Sei in: Home » Articoli

CTR Roma: legittima la rettifica del reddito con accertamento sintetico

Inchiodato il contribuente che acquista auto e moto di grossa cilindrata se non prova che il maggior reddito è esente o soggetto a ritenuta alla fonte
fisco soldi crisi euro
di Valeria Zeppilli – E' legittima la rettifica del reddito nel caso in cui il dipendente di una banca abbia accesso a delle agevolazioni creditizie finalizzate all'acquisto di beni. 

Questo almeno è quanto ha stabilito la trentasettesima sezione della Commissione tributaria regionale di Roma, con la sentenza numero 3466/2015

Nel caso di specie, la Commissione ha accolto l'impugnazione proposta dall'Agenzia dell'entrate avverso la pronuncia con la quale era stata dichiarata in primo grado l'illegittimità di alcuni avvisi di accertamento sintetico notificati a un contribuente, la cui capacità di spesa risultava evidentemente aumentata.

Da un lato, infatti, c'era l'acquisto di auto e moto di grossa cilindrata, dall'altro mancava la prova che il maggior reddito fosse esente o soggetto a ritenuta alla fonte a titolo di imposta.

Non importa che l'accertamento del fisco sia stato svolto con metodo sintetico: per la C.t.r. ciò non impedisce in alcun modo al contribuente di fornire la predetta prova con idonea documentazione.

Il riferimento, più precisamente, va all'articolo 38 del d.p.r. n. 600/1973, nel quale, al fine di ancorare la disponibilità dei redditi a fatti oggettivi, si prevede che la prova della disponibilità di redditi ulteriori non è sufficiente a confutare un accertamento sintetico del reddito complessivo del contribuente se non è corredata da una prova documentale sulle circostanze idonee a dimostrare che detti ulteriori redditi siano stati utilizzati per sostenere le spese contestate.

In assenza di adeguata motivazione da parte della C.t.p. circa l'idoneità della prova a tal fine offerta dal contribuente, quindi, l'accertamento sintetico del fisco è da reputarsi legittimo

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(14/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF