Sei in: Home » Articoli

Fumo: addio ai pacchetti da 10 e alle 'bionde' in auto

Approvato dal Governo il decreto che recepisce la direttiva europea sul fumo
divieto fumo id9078

di Marina Crisafi - Presto si potrà dire addio ai pacchetti da 10 e al fumo in auto, in presenza di donne incinte e bambini.

A prevederlo è il decreto legislativo approvato ieri in via preliminare dal Governo, durante il Consiglio dei Ministri n. 86, il decreto recepisce la direttiva europea 2014/40/UE del Parlamento e del Consiglio europeo, sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri in ordine alla lavorazione, alla presentazione e alla vendita dei prodotti del tabacco e correlati.

Sul fronte della lavorazione, arriva il divieto di utilizzo di aromi caratterizzanti, mentre su quello della presentazione, oltre all'eliminazione della vendita dei pacchetti da 10 e delle piccole confezioni di tabacco, vengono allargate le immagini “choc” e i testi sulle avvertenze che dovranno arrivare a coprire il 65% della superficie esterna, fronte/retro, della confezione sia di sigarette che di tabacco da arrotolare.

Giro di vite anche sulle sigarette elettroniche (e relativi liquidi di ricarica) che non potranno essere vendute ai minori, dovranno essere munite di requisiti di sicurezza (come le chiusure a prova di manomissione) e recare le avvertenze sulla presenza di nicotina e derivati.

Stretta, inoltre, sui distributori automatici che saranno verificati sia al momento dell'installazione sia periodicamente, al fine di controllare il corretto funzionamento del rilevamento dell'età dell'acquirente.

Quanto ai luoghi, infine, al divieto delle bionde in auto se a bordo di sono minori e donne in gravidanza, si accompagnerà quello di fumare nelle pertinenze esterne (cortili, ecc.) degli ospedali pediatrici e “dei singoli reparti pediatrici, ginecologici, di ostetricia e neonatologia”.

Il decreto, come comunicato in un tweet dal ministro della salute Lorenzin, sarà “in vigore entro Natale”.

(13/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
Multe stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartellaMulte stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartella
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF