Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Sì al bed and breakfast in condominio, anche se il regolamento vieta di dare agli immobili destinazioni non abitative

Per il Tribunale di Verona si tratta di un'attività "parafamiliare" e va quindi annullata la delibera che proibisce agli ospiti dell'appartamento di usufruire degli spazi comuni condominiali
condominio casa palazzo

di Valeria Zeppilli – Tra i business oggi più diffusi c'è di certo quello di rivalutare appartamenti non utilizzati, adibendoli a bed & breakfast.

E se il proprietario di un immobile in condominio decide di avviare questo business, l'assemblea non può ostacolarlo adducendo che il regolamento condominiale proibisce di mutare la destinazione d'uso degli appartamenti rispetto a quella abitativa.

A stabilirlo è il Tribunale di Verona, che, con una recente sentenza, ha chiarito che la fruizione dei locali da parte degli avventori del b&b è comunque un'attività di tipo “para-familiare”.

Essa, infatti, ha un carattere sobrio e inderogabilmente breve ed è spesso supervisionata dalla presenza del proprietario dell'immobile.

Quindi non importa che a gestire l'alloggio sia un'impresa commerciale: la delibera che proibisce agli ospiti dell'appartamento di usufruire degli spazi comuni condominiali va annullata.

In sostanza, il regolamento condominiale che vieta di destinare gli alloggi ad uso diverso dall'abitazione va interpretato dal giudice sulla base delle regole ermeneutiche che il codice civile detta per la gestione dei rapporti negoziali agli articoli 1362 e seguenti.

Così, come un proprietario è libero di affittare il suo appartamento, sarà altrettanto libero di adibirlo a b&b e la piscina, i campi da tennis e gli altri spazi ricreativi presenti nel complesso edilizio in cui sorge la struttura potranno essere liberamente frequentati dagli ospiti, senza che il regolamento condominiale possa impedirlo. 

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF