Sei in: Home » Articoli

Tribunale di Roma: l'imprenditore può accusare pubblicamente su Facebook un cliente di non averlo pagato

Se vi è verità, correttezza formale e interesse pubblico, è esclusa la diffamazione e i post possono restare li dove sono
telematico computer social network

di Valeria Zeppilli – Sul mondo dei social network la giurisprudenza scrive una pagina nuova ormai quasi ogni giorno, essendo pressoché quotidianamente chiamata a regolamentare i rapporti che si svolgono in questo nuovo mondo virtuale.

E così ha fatto recentemente anche il Tribunale di Roma, con un'ordinanza pubblicata dalla prima sezione civile.

Il caso sottoposto all'attenzione del giudicante riguardava, questa volta, un post scritto da un imprenditore su Facebook e vari social network e blog, nel quale egli accusava pubblicamente un suo cliente di non averlo pagato

Il Tribunale, interessato della questione da parte del debitore, che chiedeva la cancellazione d'urgenza dell'accusa pubblica, ha chiarito che il post in questione costituisce un legittimo esercizio del diritto di cronaca/critica e rispetta i requisiti di verità, correttezza formale e interesse pubblico che ne escludono il carattere diffamatorio.

Infatti, il mancato pagamento da parte del cliente è emerso incontestabilmente in giudizio; le opinioni espresse non sono risultate né offensive né volgari e non hanno indotto ad accostamenti suggestivi; l'interesse pubblico alla diffusione della notizia è indubbio. 

Oltretutto nel caso di specie, il giudice non ha mancato, per mera completezza, di evidenziare che il cliente moroso non è neanche riuscito a provare, se non tramite generiche allegazioni, in cosa sarebbero concretamente consistiti i danni all'onore e al decoro personale che assumeva di aver subito. 

I post, quindi, restano dove sono. 

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF