Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: il decreto Balduzzi non “salva” il sanitario che non rispetta le linee guida

In assenza della prova della conformità del comportamento, non è certo la sussistenza del consenso informato a poter liberare il medico dalla responsabilità
medici operazione medico

di Valeria Zeppilli – Il medico non può andare esente da responsabilità, neanche con l'ausilio delle previsioni del decreto Balduzzi, se omette di rispettare le regole di diligenza e i protocolli ufficiali

In assenza di una prova del fatto che egli si sia attenuto alle linee guida conformi alle regole della migliore scienza, la sorte del sanitario non potrà che essere quella di subire una condanna penale.

Del resto, tale prova è fondamentale per verificare la correttezza e la scientificità dei parametri di riferimento della condotta medica e per porli alla base dell'accertamento dei profili di colpa che possono essere ravvisati in capo al sanitario.

Così, la Corte di Cassazione, con la sentenza numero 40708/2015, depositata il 9 ottobre (qui sotto allegata), ha confermato la condanna di un chirurgo plastico, il quale era stato giudicato colpevole in sede di primo e secondo grado per condotta negligente, imperita e imprudente e per violazione delle norme dell'arte medica, in quanto, per ben tre volte, aveva sottoposto un medesimo paziente a un intervento errato. 

Per i giudici, infatti, nel caso di specie non può essere applicato quanto sancito dall'articolo 3 della legge numero 182 del 2012 (cd. decreto Balduzzi), per il quale l'esercente una professione sanitaria non risponde penalmente per colpa lieve nel caso in cui si attenga alle linee guida e alle buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica. 

In assenza della prova della conformità del proprio comportamento a tali presupposti, non è certo la sussistenza del consenso informato a poter salvare il medico dalla condanna

Cassazione testo sentenza numero 40708/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF