Sei in: Home » Articoli

Niente soldi alla badante della zia defunta se il nipote rinuncia all'eredità

Per la Cassazione, l'uomo è estraneo alla successione e al rapporto di lavoro
Badante invalido danno

di Marina Crisafi - Se la vecchia zia muore e il nipote rinuncia all'eredità, la badante rimane a bocca asciutta. Nulla può pretendere, infatti, la cittadina straniera che ha prestato servizio “in qualità di assistente geriatrica e collaboratrice domestica” all'anziana donna defunta dal nipote della stessa.

Lo ha stabilito la sezione lavoro della Cassazione con la sentenza n. 20190/2015 depositata ieri (e qui sotto allegata), rigettando il ricorso di una badante che puntava ad ottenere dal nipote della signora assistita in vita, il ristoro economico asseritamente dovuto.

Si rivela inutile, difatti, il lungo elenco delle pretese avanzate dalla donna (tra cui il pagamento delle differenze retributive maturate in relazione all'asserita spettanza del 1° livello della classificazione del personale del CCNL per i lavoratori domestici, le ferie, la tredicesima, l'indennità di preavviso, il TFR e i contributi assicurativi e previdenziali), poiché la Cassazione ha avallato la decisione d'appello impugnata.

Oltre ad essere evidente, affermano da piazza Cavour, il “difetto di legittimazione passiva” dell'uomo che ha rinunciato alla sua qualità di erede, non è stato altresì assolto (da parte della badante) l'onere della prova circa la “diretta titolarità del rapporto di lavoro in capo al medesimo”.

Impensabile, dunque, qualsiasi ristoro economico per la donna che dovrà anche pagare le spese di lite.

Cassazione, sentenza n. 20190/2015
(09/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF