Sei in: Home » Articoli

La prova certa della spedizione di un telegramma ne fa presumere la ricezione

Per la Cassazione, si tratta di una presunzione iuris et de iure, superabile con la prova contraria
Mano che consegna una busta

di Valeria Zeppilli – Per la Corte di Cassazione, come sancito con l'ordinanza numero 19980 depositata il 6 ottobre 2015 (qui sotto allegata), se in giudizio viene prodotto un telegramma non importa che esso sia corredato dell'avviso di ricevimento: la prova certa della spedizione, attestata anche solo dalla relativa ricevuta rilasciata dall'ufficio postale, fa presumere, ai sensi dell'articolo 1335 del codice civile, l'arrivo del documento al destinatario e la relativa sua conoscenza.

Si tratta in ogni caso di una presunzione che non è iuris et de iure, ma può essere superata mediante prova contraria.

In sostanza, viene confermato il principio già statuito dalla medesima Corte nella precedente sentenza n. 13488/2011.

Nel caso di specie, anche sulla base di tali circostanze, i giudici hanno quindi respinto il ricorso di un datore di lavoro che voleva imputare l'interruzione del rapporto lavorativo con una dipendente alle dimissioni di quest'ultima.

In giudizio, infatti, la donna aveva prodotto un telegramma dal quale risultava la sua richiesta al datore di lavoro di essere riammessa in servizio, avvalorando così la teoria che il rapporto era stato in realtà interrotto a seguito di licenziamento orale.

Dinanzi a tale produzione, l'azienda non era stata in grado di fornire la prova contraria circa la ricezione del telegramma, peraltro mai negata.

Confermata quindi la reintegra della dipendente e il pagamento in suo favore della dovuta indennità.

Cassazione testo ordinanza numero 19980/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF