Sei in: Home » Articoli

Equitalia: la soglia per l'iscrizione di ipoteca può essere superata anche grazie a crediti previdenziali

Ai fini del superamento degli ottomila euro rilevano tutti i crediti dell'amministrazione finanziaria

di Valeria Zeppilli – Anche quando la soglia degli ottomila euro imposta a tal fine dal d.p.r. n. 602/1977 è superata solo grazie alla sussistenza di crediti previdenziali, Equitalia è comunque legittimata ad iscrivere ipoteca. 

A stabilirlo è la Corte di Cassazione, con la sentenza numero 20055/2015 depositata il 7 ottobre (qui sotto allegata). 

Per i giudici, infatti, a rilevare ai fini dell'iscrizione di ipoteca sono tutti i crediti dell'amministrazione finanziaria, senza che alcune voci possano essere escluse.

Oltretutto, se le voci sono iscritte a ruolo, ai fini dell'iscrizione di ipoteca non importa che vi sia stata contestazione da parte del contribuente: il ruolo, infatti, una volta che sia inutilmente decorso il termine di sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento, costituisce titolo esecutivo e legittima il concessionario a procedere ad esecuzione forzata o a promuovere azioni cautelari conservative o azioni comunque previste dal nostro ordinamento a tutela del creditore.

Così, con la pronuncia in esame, i giudici hanno accolto il ricorso dell'amministrazione finanziaria avverso la sentenza con la quale la Commissione Tributaria Regionale della Sicilia aveva confermato l'annullamento di un'iscrizione ipotecaria da parte del concessionario sancito dalla Commissione Provinciale di Siracusa, senza prendere in considerazione la complessità dei crediti iscritti a ruolo.

La questione, quindi, va rinviata alla C.T.R., anche per la decisione in ordine alle spese del giudizio di legittimità. 


Cassazione testo sentenza numero 20055/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(09/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF