Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Niente Irap per il professore che solo sporadicamente fa l'avvocato

Per la CTR di Roma la sussistenza di un'organizzazione stabile e autonoma non può essere dimostrata da qualsiasi forma di collaborazione
di Valeria Zeppilli – La Commissione Tributaria Regionale di Roma, con sentenza numero 3275/2015, si è recentemente pronunciata su una questione sinora abbastanza diffusa: quella dei docenti universitari che svolgono anche attività professionale, ma in via residuale. 

Nel caso di specie, l'appello proposto dinanzi al predetto organo proveniva da un docente a tempo pieno che, con pochi clienti l'anno, senza una stabile organizzazione d'ufficio, con scarso utilizzo di beni strumentali e senza la collaborazione di dipendenti o colleghi, esercitava sporadicamente anche l'attività di avvocato

Il fatto che l'attività principale fosse quella di docente non è contestato, così come pacifica è la circostanza che il contribuente svolgesse l'attività forense in casa, senza avvalersi di un apposito studio e limitandosi a utilizzare computer e stampante.

Alla luce di tali premesse, quello che il professore chiedeva, rivolgendosi alla C.t.r., era di essere esonerato dal versamento dell'Ira

E la Commissione gli ha dato ragione, accogliendo le argomentazioni utilizzate dalla Corte di cassazione che, interessata della questione, aveva rinviato al giudice del merito. 

In sostanza si è rilevato che non è possibile ritenere che qualsiasi forma di collaborazione sia idonea a dimostrare la sussistenza di un'organizzazione stabile e autonoma: quest'ultima, infatti, può semmai ravvisarsi solo nell'ipotesi di impiego di lavoratori subordinati o con rapporto di lavoro coordinato e continuativo. 

Spesso, invece, l'ausilio di altri professionisti da parte del professore, come tipico nell'ambito della professione legale, è consistito nel farsi sostituire da domiciliatari in cause fuori sede

Niente imposta quindi per il professionista. 

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF