Sei in: Home » Articoli

Niente Irap per il professore che solo sporadicamente fa l'avvocato

Per la CTR di Roma la sussistenza di un'organizzazione stabile e autonoma non può essere dimostrata da qualsiasi forma di collaborazione
di Valeria Zeppilli – La Commissione Tributaria Regionale di Roma, con sentenza numero 3275/2015, si è recentemente pronunciata su una questione sinora abbastanza diffusa: quella dei docenti universitari che svolgono anche attività professionale, ma in via residuale. 

Nel caso di specie, l'appello proposto dinanzi al predetto organo proveniva da un docente a tempo pieno che, con pochi clienti l'anno, senza una stabile organizzazione d'ufficio, con scarso utilizzo di beni strumentali e senza la collaborazione di dipendenti o colleghi, esercitava sporadicamente anche l'attività di avvocato

Il fatto che l'attività principale fosse quella di docente non è contestato, così come pacifica è la circostanza che il contribuente svolgesse l'attività forense in casa, senza avvalersi di un apposito studio e limitandosi a utilizzare computer e stampante.

Alla luce di tali premesse, quello che il professore chiedeva, rivolgendosi alla C.t.r., era di essere esonerato dal versamento dell'Ira

E la Commissione gli ha dato ragione, accogliendo le argomentazioni utilizzate dalla Corte di cassazione che, interessata della questione, aveva rinviato al giudice del merito. 

In sostanza si è rilevato che non è possibile ritenere che qualsiasi forma di collaborazione sia idonea a dimostrare la sussistenza di un'organizzazione stabile e autonoma: quest'ultima, infatti, può semmai ravvisarsi solo nell'ipotesi di impiego di lavoratori subordinati o con rapporto di lavoro coordinato e continuativo. 

Spesso, invece, l'ausilio di altri professionisti da parte del professore, come tipico nell'ambito della professione legale, è consistito nel farsi sostituire da domiciliatari in cause fuori sede

Niente imposta quindi per il professionista. 

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(08/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorieEquo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF