Sei in: Home » Articoli

Guida in stato di ebbrezza: dopo l'estinzione del reato per messa alla prova è il prefetto a sospendere la patente

La Cassazione afferma che il giudice che pronuncia sentenza di intervenuta estinzione del reato non può e non deve applicare la sanzione amministrativa accessoria
ebrezza ebbrezza alcol alcool
di Valeria Zeppilli - In caso di guida in stato di ebbrezza, la competenza ad irrogare la sanzione della sospensione della patente, dopo l'estinzione del reato con l'istituto della messa alla prova, spetta al prefetto e non al giudice. 

Della questione, in particolare, si è recentemente occupata la sentenza numero 40069/2015 della Corte di Cassazione, depositata il 5 ottobre (qui sotto allegata).

Per i giudici, la norma da prendere come riferimento è l'articolo 224, comma 3, del Codice della strada, il quale prevede espressamente la competenza del prefetto in materia di sanzioni accessorie in caso di estinzione del reato per cause diverse dalla morte dell'imputato.

Di conseguenza, il giudice che pronuncia sentenza di intervenuta estinzione del reato per esito positivo della messa alla prova non ha il potere di applicare la sospensione della patente ma, come dispone anche l'articolo 223, comma 4, del Codice della strada, deve trasmettere, tramite il cancelliere competente, la sentenza divenuta irrevocabile al prefetto.

Sarà quest'ultimo, quindi, ad applicare la sanzione amministrativa accessoria.

Così, sulla base di tali premesse e relativamente all'aspetto in esame, la Cassazione ha accolto il ricorso di un automobilista che, imputato per aver guidato in stato di ebbrezza alcolica, vedeva pronunciata nei suoi confronti sentenza di non doversi procedere per estinzione del reato per esito positivo della messa alla prova, con sospensione della patente di guida per sei mesi. 

In ogni caso, in via generale, non sussiste alcun dubbio circa l'astratta applicabilità della sanzione accessoria, in quanto, l'articolo 168-ter c.p. prevede che la predetta ipotesi di estinzione del reato non pregiudica l'applicazione di sanzioni amministrative accessorie ove previste dalla legge. 

Corte di cassazione testo sentenza numero 40069/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF