Sei in: Home » Articoli

Decreto del Presidente della Repubblica: ricorso in Cassazione ammissibile ma solo per questioni di giurisdizione

Le Sezioni Unite hanno chiarito che tale rimedio può essere esperito, pur non potendo riguardare questioni inerenti il merito
Giudice della cassazione
di Valeria Zeppilli - Con una pronuncia depositata ieri 5 settembre, la Corte di Cassazione è intervenuta a fare chiarezza su una questione davvero interessante. 

Nel dettaglio, la sentenza a sezioni unite numero 19786/2015 (qui sotto allegata) ha sancito che il ricorso per Cassazione avverso il decreto del Presidente della Repubblica è ammissibile. 

Infatti, la specialità di tale tipologia di decreto deriva dalla volontà di creare un rimedio giurisdizionale semplificato, che faccia forza sul sostanziale assenso delle parti.

Da tale qualificazione dogmatica deriva, in sostanza, che il decreto del Presidente della Repubblica, ricalcando il parere vincolante del Consiglio di Stato, rientra nel campo di applicazione dell'ottavo comma dell'articolo 111 della Costituzione.

Avverso di esso, però, al pari di quanto avviene con riferimento alle decisioni del Consiglio di Stato, il ricorso può essere essere proposto esclusivamente per questioni di giurisdizione, mentre va escluso nel caso in cui abbia ad oggetto questioni di merito.

In linea generale, quindi, il decreto può essere ad esempio impugnato se ha violato i confini che distinguono tra giudice ordinario, giudice amministrativo e giudici speciali, mentre restano esclusi dal rimedio i motivi con i quali si intenda denunziare una violazione nell'interpretazione delle norme di legge o una loro falsa applicazione.

Nel caso di specie, quindi, poiché le doglianze prospettate alla Corte concernevano tutte valutazioni interne al potere giurisdizionale del giudice amministrativo, il ricorso è stato dichiarato inammissibile

Corte di cassazione testo numero 19786/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF