Sei in: Home » Articoli

Dieselgate: anche l'Italia apre l'indagine. Coinvolte quasi 650mila auto

Si allarga lo scandalo Volkswagen, con l'istruttoria avviata dall'Authority per pratica commerciale scorretta

di Marina Crisafi - Se avete una Volkswagen, una Seat, un'Audi o una Skoda potreste essere vittime anche voi delle manipolazioni dei dati sulle emissioni inquinanti dei motori diesel nella vicenda dell'ormai arcinoto “scandalo Dieselgate”, che ha colpito il gruppo automobilistico tedesco.

La questione, originata dai milioni di auto del gruppo “indagate” negli Usa, si è allargata infatti all'Europa e, dunque, anche all'Italia.

Secondo la nota emanata dalla filiale italiana del gruppo le auto del brand Volkswagen vendute in Italia e interessate dal Dieselgate (in quanto equipaggiate con i motori diesel incriminati “EU5 tipo EA 189”), sarebbero infatti 648.458.

Nel dettaglio, al momento in base a quanto comunicato dalla casa madre al vendor italiano, sarebbero: 361.432 i veicoli del brand Volkswagen, 197.421 le Audi, 38.966 le Skoda, 35.348 le Seat e, infine, 15.291 i veicoli commerciali leggeri.

E mentre sia la Volkswagen che le altre case madri del gruppo cercano di correre ai ripari con un piano d'azione che prevede la presentazione di soluzioni tecniche e relative misure alle autorità competenti entro ottobre, oltre alle informazioni ai clienti sulle tempistiche e le modalità per l'esecuzione dell'intervento di manutenzione sui veicoli coinvolti (esclusi quelli nuovi, dotati di motori Diesel EU6 he non necessitano di alcun intervento), l'Autorità Garante della Concorrenza e del mercato ha deciso di avviare un procedimento istruttorio, nei confronti sia della società madre che della filiale italiana del gruppo.

Il fascicolo aperto dall'Authority, sulle centraline truccate, a seguito di varie segnalazioni da parte delle associazioni dei consumatori, è fondato sull'ipotesi di “pratica commerciale scorretta”, per aver indotto i consumatori ad errate scelte d'acquisto (negli anni dal 2009 al 2015) di veicoli con caratteristiche di qualità ed emissioni inquinanti inferiori ai valori dichiarati, per mezzo delle campagne pubblicitarie effettuate (claim, depliant informativi, ecc.).

Intanto, nel resto d'Europa, anche Parigi apre un'inchiesta per sospetta frode aggravata e la Svizzera ha persino bloccato le vendite di alcune modelli.

Lo scandalo insomma si allarga a macchia d'olio e, nel mirino, sembra siano già finite vetture di altre marche.

(03/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF