Sei in: Home » Articoli

Cassazione: lavorare per il partner non vuol dire lavorare gratis

La gratuità è giustificata solo dalla rigorosa dimostrazione di una finalità di carattere solidaristico derivante dalla comunanza di vita e interessi
coppia felice

di Valeria Zeppilli – Lavorare per il partner non vuol dire necessariamente lavorare gratuitamente. 

Con la sentenza n. 19304/2015 depositata il 29 settembre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione ha affermato chiaramente che la relazione affettiva con il proprio “datore di lavoro” non è un motivo idoneo a far presumere che la prestazione lavorativa sia svolta a titolo gratuito

A tal fine, infatti, è necessaria la rigorosa dimostrazione che la finalità che la giustifica sia di carattere solidaristico e non lucrativo, derivante da una comunanza di vita e di interessi tra le parti.

Nel caso di specie, il ricorso era stato proposto da una donna che, avendo amministrato per ben sei anni il patrimonio del partner e della madre di questi, richiedeva che, per il periodo di riferimento, fosse accertata la sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato.

Il giudice del merito lo aveva negato, nonostante nel corso del giudizio fosse stato rilevato che gli apporti lavorativi della ricorrente nei confronti dell'attività dell'uomo erano stati di natura consistente e che il rapporto meramente affettivo tra i due non era mai sfociato in una effettiva e costante convivenza sotto un medesimo tetto.

Peraltro, la ricorrente non aveva mai partecipato agli utili della gestione del patrimonio immobiliare né incrementato, in relazione ad essa, il proprio patrimonio o la propria posizione economica.

In difetto di una dimostrazione circa la sussistenza della finalità di solidarietà in luogo di quella lucrativa, errato è stato, quindi, il ragionamento che ha portato la Corte d'Appello ad accertare come sussistente tra le parti un rapporto diverso da quello lavorativo, istituito affectionis vel benevolentiae causa e caratterizzato dalla gratuità della prestazione.

Corte di cassazione testo sentenza numero 19304/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(02/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF