Diritto Penale

Cassazione: non commette furto chi ruba al convivente. Vale la stessa regola che c'è tra i familiari

Alle coppie di fatto va applicata la medesima ipotesi di non punibilità che l'ordinamento penale prevede se il reato è commesso in danno del coniuge
ladro furto

di Valeria Zeppilli – In caso di furto, alle coppie di fatto va applicata la medesima ipotesi di non punibilità che l'ordinamento penale prevede all'articolo 649 c.p. se tale reato è commesso in danno del coniuge. 

Con un'ovvia precisazione però: la non punibilità cessa di operare nel momento in cui cessa la convivenza

Questo almeno è quanto stabilito dalla sentenza numero 39480/2015 della Corte di Cassazione, depositata il 30 settembre dalla quinta sezione penale (qui sotto allegata). 

I giudici, infatti, si sono integralmente riportati alla precedente pronuncia numero 32190/2009, la quale aveva enunciato il principio di diritto per cui “non è punibile il furto commesso in danno del convivente 'more uxorio' ma è punibile, a querela dell'offeso, il furto in danno di persona già convivente 'more uxorio'”. 

Così, nel caso di specie la Corte ha annullato, limitatamente ai reati di furto e danneggiamento, la sentenza con la quale la Corte di Appello di Ancona aveva condannato il ricorrente, il quale, però, era anche (e rimane) responsabile dei reati di lesione e tentativo di danneggiamento, per i quali la predetta causa di non punibilità non opera. 

Si precisa che, in via generale, il primo comma dell'articolo 649 c.p. considera non punibili per i reati contro il patrimonio chi li abbia compiuti in danno del coniuge non legalmente separato, di un ascendente o discendente o di un affine in linea retta, dell'adottante o dell'adottato o di un fratello o di una sorella che con lui convivano. 

Corte di cassazione testo sentenza numero 39480/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(01/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF