Cassazione: l'orientamento giurisprudenziale muta improvvisamente? Le spese vanno compensate

Tra i motivi di giustizia previsti dall'art. 92 c.p.c. rientra anche il c.d. overrulling
giudice sentenza martello cassazione
di Valeria Zeppilli – Se la giurisprudenza muta improvvisamente il proprio orientamento e da tale mutamento deriva la soccombenza di una parte in giudizio, le spese vanno compensate

Infatti, per la Corte di Cassazione, il c.d. overrulling rende legittimo dispensare la parte condannata in seguito ad esso dalla condanna aggiuntiva alle spese.

La questione decisa con l'ordinanza numero 19392/2015, depositata il 30 settembre dalla sesta sezione civile (qui sotto allegata), riguardava l'opposizione avverso un verbale elevato dalla Polizia Municipale in relazione a una violazione del codice della strada rilevata mediante autovelox, rigettata sia in primo che in secondo grado senza mai condannare l'opponente alle spese.

Nell'affrontarla, i giudici hanno totalmente condiviso la relazione depositata in cancelleria ex art. 380-bis c.p.c. per la definizione del giudizio, confermando, innanzitutto, la scelta del giudice di primo grado di compensare le spese in ragione del fatto che il repentino mutamento della giurisprudenza sui mezzi di contestazione dei verbali di accertamento avrebbe influito sul comportamento processuale dell'opponente, risultata soccombente. 

In secondo grado, poi, data la soccombenza del vincitore della causa in merito all'impugnazione delle spese tramite ricorso incidentale, la compensazione non avrebbe potuto essere evitata

Da tale pronuncia risulta, quindi, quindi evidente la necessità di tutelare le parti rispetto all'andamento interpretativo altalenante dei giudici. 

Corte di cassazione testo ordinanza numero 19392/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
bulletRichiedi una consulenza personalizzatabullet
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(01/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF