Avvocatura

Avvocati: la prescrizione del diritto al pagamento degli onorari decorre dalla morte del cliente

La Cassazione ribadisce che il decesso estingue il rapporto e determina l'insorgenza del diritto anche se il legale continua a gestire la lite
avvocato scrive notaio leggi sentenza giustizia contratto
di Valeria Zeppilli - Con la sentenza numero 18808 depositata il 23 settembre 2015 (qui sotto allegata) la Corte di Cassazione ha ribadito il principio di diritto secondo il quale il termine di decorrenza della prescrizione del diritto dell'avvocato al pagamento degli onorari va individuato in qualsiasi causa che comporti la cessazione del rapporto con il cliente, ivi compresa la morte di quest'ultimo. 

Per i giudici non importa che la sentenza a sezioni unite numero 15295/2014 abbia riaffermato la regola dell'ultrattività del mandato: dall'applicazione delle norme del mandato al contratto di patrocinio deriva che la morte del cliente estingue il rapporto e determina l'insorgenza del diritto dell'avvocato a vedersi pagare le proprie competenze professionali, indipendentemente dal fatto che quest'ultimo, in determinati casi, debba continuare a gestire la lite per conto del defunto. 

Così la Corte di Cassazione, sulla base delle predette argomentazioni, ha rigettato il ricorso di un avvocato che pretendeva di far decorrere la prescrizione del suo diritto solo dal momento in cui egli avrebbe avuto conoscenza della morte del cliente: tale circostanza, infatti, non è stata reputata coerente con il principio per cui l'impossibilità di far valere un diritto ex art. 2935 c.c. impedisce la decorrenza della prescrizione solo se deriva da cause giuridiche. 

Gli impedimenti soggettivi o gli ostacoli di mero fatto, del resto, secondo quanto disposto dal successivo articolo 2941 c.c. sono idonei a sospendere la prescrizione esclusivamente in ipotesi tassative, tra le quali non sono ricompresi l'ignoranza del fatto generatore del diritto o il dubbio sull'esistenza di questo o il ritardo indotto dalla necessità di accertarlo. 

Nel caso di specie, oltretutto, la mancata conoscenza della morte del cliente era stata posta dal legale solo in sede di legittimità

Niente onorari, quindi, per il ricorrente. 

Corte di cassazione testo sentenza numero 18808/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(24/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF