Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Nota spese avvocati: obbligo di motivazione per il giudice che intende ridurla

Per la Cassazione, il magistrato è tenuto ad indicare dettagliatamente le ragioni a sostegno delle modifiche apportate rispetto agli importi indicati
sentenza cassazione martello giudice
di Valeria Zeppilli – La nota spese specifica prodotta dall'avvocato della parte vittoriosa deve essere integralmente liquidata dal giudice, salvo adeguata motivazione a sostegno dell'eliminazione o della riduzione di alcune voci. 

In generale, la determinazione degli onorari degli avvocati costituisce esercizio di un potere discrezionale del giudice che non necessita di specifica motivazione e non può formare oggetto di sindacato in sede di legittimità. Tuttavia, tale discrezionalità è subordinata alla circostanza che tale determinazione sia contenuta tra il minimo e il massimo della tariffa e può essere comunque contestata dall'interessato attraverso la specificazione delle singole voci della tariffa che ritiene essere state violate

Inoltre, se la parte vittoriosa produce una nota spese specifica, il giudice è tenuto ad indicare dettagliatamente le ragioni a sostegno delle modifiche apportate rispetto agli importi in essa indicati, al fine di consentire l'accertamento della conformità della liquidazione. 

È proprio tenuto conto di tutti tali principi, e in conformità ad un orientamento ormai consolidato, che la Corte di Cassazione, con sentenza n. 18238/2015 depositata il 17 settembre (qui sotto allegata), ha accolto il ricorso di un legale che si era visto liquidare le proprie spese e competenze in maniera ridotta rispetto a quanto dettagliatamente richiesto con le note spese prodotte nelle diverse fasi processuali e ha deciso la causa nel merito ex art. 384 c.p.c., procedendo a una liquidazione allineata alle legittime pretese. 


Corte di cassazione testo sentenza numero 18238/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(21/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Contratto di convivenza: come funziona
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF