Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Nota spese avvocati: obbligo di motivazione per il giudice che intende ridurla

Per la Cassazione, il magistrato è tenuto ad indicare dettagliatamente le ragioni a sostegno delle modifiche apportate rispetto agli importi indicati
sentenza cassazione martello giudice
di Valeria Zeppilli – La nota spese specifica prodotta dall'avvocato della parte vittoriosa deve essere integralmente liquidata dal giudice, salvo adeguata motivazione a sostegno dell'eliminazione o della riduzione di alcune voci. 

In generale, la determinazione degli onorari degli avvocati costituisce esercizio di un potere discrezionale del giudice che non necessita di specifica motivazione e non può formare oggetto di sindacato in sede di legittimità. Tuttavia, tale discrezionalità è subordinata alla circostanza che tale determinazione sia contenuta tra il minimo e il massimo della tariffa e può essere comunque contestata dall'interessato attraverso la specificazione delle singole voci della tariffa che ritiene essere state violate

Inoltre, se la parte vittoriosa produce una nota spese specifica, il giudice è tenuto ad indicare dettagliatamente le ragioni a sostegno delle modifiche apportate rispetto agli importi in essa indicati, al fine di consentire l'accertamento della conformità della liquidazione. 

È proprio tenuto conto di tutti tali principi, e in conformità ad un orientamento ormai consolidato, che la Corte di Cassazione, con sentenza n. 18238/2015 depositata il 17 settembre (qui sotto allegata), ha accolto il ricorso di un legale che si era visto liquidare le proprie spese e competenze in maniera ridotta rispetto a quanto dettagliatamente richiesto con le note spese prodotte nelle diverse fasi processuali e ha deciso la causa nel merito ex art. 384 c.p.c., procedendo a una liquidazione allineata alle legittime pretese. 


Corte di cassazione testo sentenza numero 18238/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Due multe da 286 euro e salvi la patente
» Bollo auto: se non paghi entro 3 anni radiazione sicura
» Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
» Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
In evidenza oggi.
Tirocini giudiziari: al via le borse di studio da 400 euro. Domande entro il 26 marzo
Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF