Sei in: Home » Articoli

Multa per sosta prolungata: la contestazione va fatta con querela di falso

E' quanto emerge da una sentenza del Tribunale di Bari. Non è sufficiente produrre in giudizio la ricevuta mancante
Vigile in atto a elevare una contravvenzione

di Valeria Zeppilli – Il Tribunale di Bari, chiamato a giudicare circa l'impugnazione di una pronuncia emessa in primo grado dal Giudice di pace, con la sentenza n. 19 del 2015 ha sancito che, se si subisce una sanzione amministrativa per aver sostato in una zona a pagamento oltre l'orario indicato in ricevuta, la contestazione della multa non può che avvenire con querela di falso

Del resto, secondo quanto affermato dal giudice, ai verbali di accertamento redatti dagli ausiliari del traffico che lavorano per le società concessionarie di parcheggio si applicano gli articoli 2699 e 2700 del codice civile, con la conseguenza che essi hanno l'efficacia dell'atto pubblico e fanno piena prova, fino (appunto) a querela di falso, sia della provenienza del documento dal pubblico ufficiale che lo ha formato, che dei fatti che il pubblico ufficiale attesta.

Oltretutto, anche il verbale di contestazione redatto dai soggetti delegati dal sindaco, ribadisce il Tribunale, è atto pubblico e necessita della querela di falso.

Quindi, mentre in primo grado era stato ritenuto sufficiente, per liberare l'automobilista dalla sanzione, il fatto che egli avesse prodotto in giudizio la ricevuta mancante, per il Tribunale tale circostanza non basta: o la ricevuta è esposta o la sanzione vale sino a querela di falso.

Quella posta in essere dal giudice di primo grado, pertanto, è stata una palese violazione di legge, derivante dal fatto che egli non ha attribuito al verbale contestato la fede privilegiata e gli effetti ad esso riconosciuti dall'ordinamento.

Con buona pace dell'automobilista, che quindi sarà costretto a pagare. 

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF