Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: formazione continua a prescindere dall'esercizio della professione. Ecco le novità del regolamento del CNF

Pubblicato ieri dal Consiglio nazionale Forense il nuovo testo del regolamento n. 6/2014 che fa scattare l'obbligo per il solo fatto dell'iscrizione all'albo
corsi avvocati

di Marina Crisafi - L'obbligo della formazione continua per ogni avvocato sussiste a prescindere dall'esercizio della professione. È la principale novità prevista dal regolamento n. 6/2014, nel testo revisionato dal plenum del Consiglio Nazionale Forense il 30 luglio scorso e pubblicato ieri sul sito istituzionale insieme al fac-simile di domanda di accreditamento (entrambi qui sotto allegati).

Tenendo conto dei suggerimenti di razionalizzazione e semplificazione apportati dai vari attori del mondo forense e formativo (ordini circondariali, commissione per l'accreditamento, ecc.), il nuovo testo chiarisce, dunque, che la formazione continua “sussiste per il solo fatto dell'iscrizione all'albo, agli elenchi e ai registri, a prescindere dall'esercizio effettivo dell'attività professionale, salvo quanto previsto dall'art. 15” (cfr. art. 6, comma 2).

Destinatari dell'obbligo sono, pertanto, come si legge nella relazione illustrativa di accompagnamento al regolamento: gli avvocati iscritti all'albo, gli avvocati stabiliti e gli iscritti in sezioni speciali dell'albo, gli iscritti in altri elenchi e registri e al contempo, “il tirocinante abilitato al patrocinio, tenuto conto della possibilità di esercitare attività professionale in sostituzione dell'avvocato presso il quale svolge la pratica, ai sensi dell'art. 41 della legge professionale”.

Sono esentati, invece: gli avvocati sospesi dall'esercizio professionale per il periodo del loro mandato; gli avvocati dopo 25 anni di iscrizione all'albo o dopo il compimento del 60° anno di età; i componenti di organi con funzioni legislative e i componenti del Parlamento europeo; i docenti di ruolo e i ricercatori confermati delle università in materie giuridiche, nonché su domanda dell'interessato gli iscritti che si trovano in una situazione di impedimento (gravidanza, parto, grave malattia o infortunio, ecc.).

Particolare importanza nel testo revisionato assumono, inoltre, il nuovo art. 2 che suddivide in tre livelli le attività formative (base, avanzato, specialistico), al fine di valorizzarne la qualità e consentire una più agevole attribuzione dei crediti, e il principio della libertà di formazione ex art. 7, che consente all'avvocato ampia scelta negli eventi da seguire, nel tipo di contenuti formativi e delle attività da svolgere nonché del luogo dove fruire delle stesse, sia sul territorio nazionale che all'estero.

Nello stesso solco si colloca l'introduzione dell'”autoaggiornamento” che comprende, ex art. 3, comma 3, attività seminariali di studio autogestite dai partecipanti o volte alla preparazione di relazioni o materiale didattico per le attività di aggiornamento o formazione, tutte preventivamente autorizzate.

Il nuovo testo insieme alla relazione illustrativa è stato tempestivamente inviato a tutti i presidenti dei consigli dell'ordine forense, in quanto le modifiche apportate sono immediatamente operative.

Il testo attuale del regolamento CNF n. 6/2014
Fac-simile domanda di accreditamento elaborata dal CNF
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/09/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Voto anticipato: il no dei parlamentari per non perdere le pensioni
» I debiti Inps si trasmettono agli eredi?
» La pensione reversibilità al coniuge separato
» Avvocati: i nuovi obblighi per la privacy
» Authority: maxi sanzioni per 1,7 milioni di euro ad Enel e Eni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF