Stalking: Cassazione, è legittimo il provvedimento che lascia indeterminati i luoghi da non frequentare

L'esigenza è quella di tutelare la libertà di circolazione e di relazione della vittima
separazione mobbing stalking violenza

di Valeria Zeppilli – La sentenza n. 38085/2015 della Corte di Cassazione, depositata il 15 settembre (qui sotto allegata) è intervenuta a chiarire un'importante questione in materia di stalking e misure cautelari

In particolare con tale pronuncia i giudici hanno stabilito che se il presunto stalker incontra occasionalmente la vittima delle sue “persecuzioni”, anche se l'apposito dispositivo dell'autorità giudiziaria non individui precisamente i luoghi ai quali non deve avvicinarsi, egli è comunque tenuto a ristabilire la distanza minima prevista

Ciò che deve essere necessariamente tutelato, infatti, è lo svolgimento da parte della persona offesa di una vita sociale sicura

Nel caso di specie, il ricorrente, condannato per maltrattamenti in danno della moglie e della figlia e per tentato omicidio, era stato anche assoggettato alla misura cautelare di divieto di avvicinamento all'ex moglie per atti persecutori, a seguito della denuncia della donna.

Analizzando le doglianze dell'indagato relative all'eccessiva gravosità e indeterminatezza della misura per la mancata specificazione dei luoghi cui si riferisce il divieto di avvicinamento, i giudici hanno ritenuto fondamentale che la persona offesa non subisca limitazioni di carattere spaziale alla propria libertà di circolazione e di relazione, con la conseguenza che la misura cautelare applicata in capo al ricorrente è stata giustamente plasmata su tale esigenza e non doveva essere rigidamente predeterminata.

Del resto, la misura applicata al ricorrente ex articolo 282-ter c.p.c. comprende sia il divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dall'ex moglie, per i quali potrebbe astrattamente porsi il problema di individuazione, che, tuttavia, anche l'obbligo di mantenere una distanza dalla donna di almeno 200 metri, a prescindere dalla determinazione dei luoghi ai quali l'indagato non deve avvicinarsi, ovunque si trovi la vittima.

Il ricorso dell'uomo va quindi respinto. 


Corte di cassazione testo sentenza n. 38085/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF