Sei in: Home » Articoli

Stalking: Cassazione, è legittimo il provvedimento che lascia indeterminati i luoghi da non frequentare

L'esigenza è quella di tutelare la libertà di circolazione e di relazione della vittima
separazione mobbing stalking violenza

di Valeria Zeppilli – La sentenza n. 38085/2015 della Corte di Cassazione, depositata il 15 settembre (qui sotto allegata) è intervenuta a chiarire un'importante questione in materia di stalking e misure cautelari

In particolare con tale pronuncia i giudici hanno stabilito che se il presunto stalker incontra occasionalmente la vittima delle sue “persecuzioni”, anche se l'apposito dispositivo dell'autorità giudiziaria non individui precisamente i luoghi ai quali non deve avvicinarsi, egli è comunque tenuto a ristabilire la distanza minima prevista

Ciò che deve essere necessariamente tutelato, infatti, è lo svolgimento da parte della persona offesa di una vita sociale sicura

Nel caso di specie, il ricorrente, condannato per maltrattamenti in danno della moglie e della figlia e per tentato omicidio, era stato anche assoggettato alla misura cautelare di divieto di avvicinamento all'ex moglie per atti persecutori, a seguito della denuncia della donna.

Analizzando le doglianze dell'indagato relative all'eccessiva gravosità e indeterminatezza della misura per la mancata specificazione dei luoghi cui si riferisce il divieto di avvicinamento, i giudici hanno ritenuto fondamentale che la persona offesa non subisca limitazioni di carattere spaziale alla propria libertà di circolazione e di relazione, con la conseguenza che la misura cautelare applicata in capo al ricorrente è stata giustamente plasmata su tale esigenza e non doveva essere rigidamente predeterminata.

Del resto, la misura applicata al ricorrente ex articolo 282-ter c.p.c. comprende sia il divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dall'ex moglie, per i quali potrebbe astrattamente porsi il problema di individuazione, che, tuttavia, anche l'obbligo di mantenere una distanza dalla donna di almeno 200 metri, a prescindere dalla determinazione dei luoghi ai quali l'indagato non deve avvicinarsi, ovunque si trovi la vittima.

Il ricorso dell'uomo va quindi respinto. 


Corte di cassazione testo sentenza n. 38085/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF