Sei in: Home » Articoli

Violenza in danno della figlia: l'essere stato a sua volta vittima di abusi non attenua le colpe del padre

Dinanzi ad abusi ripetuti e molto gravi non può trovare giustificazione alcun trattamento benevolo
Bambina seduta
di Valeria Zeppilli - Con la sentenza n. 37078/2015 depositata il 15 settembre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione si è dovuta confrontare con una situazione davvero odiosa e delicata: quella della violenza sessuale continuata compiuta dal padre in danno della figlia.

Condannato in primo e secondo grado, l'uomo ha tentato di attenuare la propria posizione asserendo di essere stato a sua volta abusato in età giovanile. Ma fortunatamente a nulla gli è valso.

Infatti, nel caso di specie la Corte d'Appello, la cui sentenza è stata confermata, aveva già rilevato l'insussistenza di elementi che potessero giustificare un trattamento benevolo dell'imputato, orientando in senso negativo il proprio potere discrezionale rispetto alla graduazione della pena.

Inattaccabile è stato ritenuto il ragionamento che ha portato il giudice del merito a valorizzare la natura particolarmente odiosa dell'azione e la gravità del danno cagionato alla minore.

Il padre, infatti, ha posto in essere abusi ripetuti e molto gravi nei confronti della figlia e ha ingenerato nella piccola il convincimento di essere stata oggetto soltanto dei “più turpi istinti del genitore”, chiudendosi completamente rispetto all'entusiasmo e alla disponibilità della ragazzina di riconquistare la figura paterna.

Dinanzi a tali elementi, l'asserita (e peraltro non provata) circostanza che anche il padre avrebbe subito abusi sessuali da ragazzo a nulla vale ad attenuare l'intensità del dolo e la condanna a sette anni di reclusione va confermata. 



Leggi anche: guida legale al reato di violenza sessuale


Corte di cassazione testo sentenza numero 37078/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF