Sei in: Home » Articoli

Violenza in danno della figlia: l'essere stato a sua volta vittima di abusi non attenua le colpe del padre

Dinanzi ad abusi ripetuti e molto gravi non può trovare giustificazione alcun trattamento benevolo
Bambina seduta
di Valeria Zeppilli - Con la sentenza n. 37078/2015 depositata il 15 settembre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione si è dovuta confrontare con una situazione davvero odiosa e delicata: quella della violenza sessuale continuata compiuta dal padre in danno della figlia.

Condannato in primo e secondo grado, l'uomo ha tentato di attenuare la propria posizione asserendo di essere stato a sua volta abusato in età giovanile. Ma fortunatamente a nulla gli è valso.

Infatti, nel caso di specie la Corte d'Appello, la cui sentenza è stata confermata, aveva già rilevato l'insussistenza di elementi che potessero giustificare un trattamento benevolo dell'imputato, orientando in senso negativo il proprio potere discrezionale rispetto alla graduazione della pena.

Inattaccabile è stato ritenuto il ragionamento che ha portato il giudice del merito a valorizzare la natura particolarmente odiosa dell'azione e la gravità del danno cagionato alla minore.

Il padre, infatti, ha posto in essere abusi ripetuti e molto gravi nei confronti della figlia e ha ingenerato nella piccola il convincimento di essere stata oggetto soltanto dei “più turpi istinti del genitore”, chiudendosi completamente rispetto all'entusiasmo e alla disponibilità della ragazzina di riconquistare la figura paterna.

Dinanzi a tali elementi, l'asserita (e peraltro non provata) circostanza che anche il padre avrebbe subito abusi sessuali da ragazzo a nulla vale ad attenuare l'intensità del dolo e la condanna a sette anni di reclusione va confermata. 



Leggi anche: guida legale al reato di violenza sessuale


Corte di cassazione testo sentenza numero 37078/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(16/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
In evidenza oggi
Divorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altroDivorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altro
Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema CorteCome si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF