Sei in: Home » Articoli

Mantenimento: la retta per la scuola privata è una spesa straordinaria e va pagata a parte

L'ex marito deve rimborsare la ex moglie anche se lui non era d'accordo sull'iscrizione alla scuola privata
scolara scuola figli bambini

di Valeria Zeppilli – La retta per l'iscrizione dei figli ad una scuola privata va considerata spesa straordinaria e non può considerarsi compresa nell'assegno mensile di mantenimento stabilito in sede di separazione dei genitori. E poco importa che non ci sia stato accordo tra gli ex coniugi sulla scelta di iscrivere i figli alla scuola privata anziché a quella pubblica. 

A stabilirlo è la Corte di appello di Roma che, nella sentenza numero 1831/2015, si è riportata all'orientamento dalla Corte di Cassazione circa le spese straordinarie, ravvisandole in quelle che esulano dall'ordinario regime di vita dei figli a causa della loro rilevanza, imprevedibilità e imponderabilità e che, se poste a carico di uno solo dei genitori, possono violare il principio di proporzionalità e quello di adeguatezza del mantenimento. 

Così i giudici hanno respinto il ricorso di un uomo avverso il decreto ingiuntivo (confermato in primo grado) con il quale gli veniva imposto il pagamento del 50% delle spese straordinarie, mediche, scolastiche e ricreative sostenute per i suoi figli esclusivamente dalla madre: per i giudici esse non possono rientrare nell'assegno mensile di duemila euro e vanno rimborsate a parte.

Con riferimento al disaccordo rispetto all'iscrizione all'istituto privato in luogo di quello pubblico, la Corte ha chiarito che il genitore non è titolare di un potere indiscriminato di veto circa i provvedimenti riguardanti la prole, avuto riguardo alla facoltà di rivolgersi al giudice in caso di disaccordo per provvedere alla modifica o all'integrazione di quanto giudizialmente stabilito. 

Al padre, insomma, non resta altro che pagare. 

Vedi anche: Le spese straordinarie per i figli. Ecco un breve vademecum

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF