Diritto di Famiglia

Mantenimento: la retta per la scuola privata è una spesa straordinaria e va pagata a parte

L'ex marito deve rimborsare la ex moglie anche se lui non era d'accordo sull'iscrizione alla scuola privata
scolara scuola figli bambini

di Valeria Zeppilli – La retta per l'iscrizione dei figli ad una scuola privata va considerata spesa straordinaria e non può considerarsi compresa nell'assegno mensile di mantenimento stabilito in sede di separazione dei genitori. E poco importa che non ci sia stato accordo tra gli ex coniugi sulla scelta di iscrivere i figli alla scuola privata anziché a quella pubblica. 

A stabilirlo è la Corte di appello di Roma che, nella sentenza numero 1831/2015, si è riportata all'orientamento dalla Corte di Cassazione circa le spese straordinarie, ravvisandole in quelle che esulano dall'ordinario regime di vita dei figli a causa della loro rilevanza, imprevedibilità e imponderabilità e che, se poste a carico di uno solo dei genitori, possono violare il principio di proporzionalità e quello di adeguatezza del mantenimento. 

Così i giudici hanno respinto il ricorso di un uomo avverso il decreto ingiuntivo (confermato in primo grado) con il quale gli veniva imposto il pagamento del 50% delle spese straordinarie, mediche, scolastiche e ricreative sostenute per i suoi figli esclusivamente dalla madre: per i giudici esse non possono rientrare nell'assegno mensile di duemila euro e vanno rimborsate a parte.

Con riferimento al disaccordo rispetto all'iscrizione all'istituto privato in luogo di quello pubblico, la Corte ha chiarito che il genitore non è titolare di un potere indiscriminato di veto circa i provvedimenti riguardanti la prole, avuto riguardo alla facoltà di rivolgersi al giudice in caso di disaccordo per provvedere alla modifica o all'integrazione di quanto giudizialmente stabilito. 

Al padre, insomma, non resta altro che pagare. 

Vedi anche: Le spese straordinarie per i figli. Ecco un breve vademecum

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(16/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF