Diritto ed economia
Sei in: Home » Articoli

L'estinzione anticipata dei mutui

In allegato un breve approfondimento sulla Direttiva 2014/17/UE circa il giustificato indennizzo per il mutuante a seguito di estinzione anticipata dei mutui su immobili residenziali
FOndo patrimoniale della famiglia in una illustrazione che sovrappone soldi a una casa
di Roberto Paternicò. La Direttiva 2014/17/UE del febbraio 2014, intervenuta in merito ai contratti di credito ai consumatori relativi a beni immobili residenziali, é stata recepita dall'Italia con legge delega del 2 luglio 2015.
Con la direttiva, gli Stati membri dovrebbero garantire, o per via legislativa o in altro modo, ad esempio, attraverso clausole contrat­tuali, che i consumatori possano effettuare il rimborso anticipato e che il creditore (banca) abbia diritto ad un indennizzo equo ed obiettivamente giustificato per i costi potenziali connessi al rimborso anticipato del credito. Per quest'ultimo aspetto l'indennizzo non dovrebbe essere superiore alla perdita economica sofferta dalla banca stessa.
In Italia con l'art. 7, d.l. 31 gennaio 2007, n. 7, veniva sancita la nullità della pattuizione di una “clausola penale” a vantaggio del mutuante (banca), poi con il D.lgs. n.141/2010 veniva abrogato il succitato art. 7.
L'art. 125-sexies t.u.b.(testo unico bancario) in materia di credito ai consumatori, stabilisce al 2° comma: “In caso di rimborso anticipato, il finanziatore ha diritto ad un indennizzo equo ed oggettivamente giustificato per eventuali costi direttamente collegati al rimborso anticipato del credito. L'indennizzo non può superare l'1 per cento dell'importo rimborsato in anticipo, se la vita residua del contratto è superiore a un anno, ovvero lo 0,5 per cento del medesimo importo, se la vita residua del contratto è pari o inferiore a un anno. In ogni caso, l'indennizzo non può superare l'importo degli interessi che il consumatore avrebbe pagato per la vita residua del contratto......" mentre la Banca d'Italia ha già sollecitato, più volte, gli intermediari finanziari a calcolare, per il periodo residuo del finanziamento, il costo delle commissioni maturabili nel tempo a differenza degli altri oneri già percepiti.
L'ABF (Arbitro bancario finanziario) sino ad oggi, si é espresso in modo quasi univoco nell'ambito dell'estinzione anticipata, nel seguente modo:
- le commissioni d'intermediazione non possono essere interamente conteggiate a carico del cliente, semmai per quelle ricorrenti da maturare (pro-rata temporis);
- é necessario distinguere tra i costi imputabili e le commissioni;
- occorre provvedere al rimborso degli oneri assicurativi “non maturati” da parte dei clienti.
Adesso, con il recepimento della direttiva in esame viene lasciata la facoltà di scelta al nostro Stato ed in questo caso ogni compromesso é certamente difficile.

Dott.Roberto Paternico'
[email protected]”>


SCARICA IL PDF COMPLETO E ILLUSTRATO
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/09/2015 - Dott. Roberto Paternicò)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF