Sei in: Home » Articoli

Scuola: ritorno tra i banchi per quasi 9 milioni di studenti ma è “allarme” istruzione

Il 48,4% non ha mai letto un libro e quasi 1 su 4 è “asino” in matematica. I dati di Save the Children
scuola docente docenti prof insegnante

di Marina Crisafi – Al via da oggi al nuovo anno scolastico per quasi 9 milioni di studenti italiani. Ma mentre arrivano gli auguri della Giannini, seguiti da quelli del premier su Facebook che rilanciano la positività della riforma e degli investimenti nella scuola, a gettare ombra su quella che dovrebbe essere “la più grande risorsa italiana”, è un'indagine diffusa da Save the Children che denuncia invece una povertà educativa allarmante per milioni di bambini e adolescenti italiani.

Secondo il rapporto “Illuminiamo il futuro 2030”, stilato attraverso la rielaborazione dei dati Pisa-Ocse, infatti, per quasi la metà dei ragazzi tra i 6 e i 17 anni la lettura è un optional e per ¼ di loro la matematica è un'opinione.

Nel dettaglio, il 48,4% circa degli studenti lo scorso anno non ha letto neanche un libro e tra quelli che l'hanno fatto 1 su 5 è sotto la soglia minima di competenze. Analogo il discorso in matematica dove gli “asini” ammontano a circa il 25%.

La situazione non migliora sugli altri versanti, dato che la maggior parte dei ragazzi, rispettivamente il 55,2% e il 69,4%, non ha visitato né un museo né un sito archeologico, mentre il 45,5% non ha svolto alcuna attività sportiva.

Ma la colpa non è certo degli studenti.

E se è vero che le percentuali sconfortanti aumentano notevolmente nelle famiglie con basso livello socio-economico e culturale, con una povertà educativa ed economica che vanno di pari passo, d'altra parte molto dipende dalla mancanza dei servizi e delle opportunità formative sia scolastiche che extrascolastiche.

Stando ai dati: soltanto il 14% dei bambini tra zero e due anni riesce a fruire di servizi integrativi o a frequentare il nido, il 68% delle scuole primarie non offre il tempo pieno e il 64% dei ragazzi non accede ad attività sportive, ricreative, formative e culturali (con punte estreme al Sud, soprattutto in Campania, 84%, Sicilia, 79% e Calabria 78%).

Per non parlare del capitolo “scuola” ex se, che mostra come il 60% degli studenti frequenta istituti non adeguati a garantire la qualità dell'apprendimento, né adeguate infrastrutture, connessioni ad internet o attività extracurriculari.

Un fenomeno, in sostanza, a dir poco allarmante che tradotto significa, come sottolinea il direttore generale di Save the Children, Valerio Neri, che nel nostro Paese “una parte troppo ampia degli adolescenti è priva di quelle competenze necessarie per crescere e farsi strada nella vita”.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/09/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF