Fisco: addio alla tassa sui bancomat

Dietrofront del Governo sulla sanzione, ma il rischio di contestazione fiscale rimane per chi produce reddito d'impresa, esclusi professionisti e autonomi
Carta di pagamento

di Marina Crisafi – All'inizio dell'estate la sua applicazione sembrava ormai una certezza tanto da scatenare infinite polemiche e dissensi, ma ora sulla c.d. “tassa sui bancomat” il Governo ha fatto marcia indietro (leggi: "In arrivo la nuova tassa bancomat per gli imprenditori").

Dal decreto sulle sanzioni amministrative tributarie, attuativo della delega fiscale, che ha ricevuto il secondo ok preliminare dal Consiglio dei Ministri il 4 settembre scorso (e ora in attesa dell'ultimo parere delle commissioni parlamentari prima di essere definitivamente approvato, probabilmente entro fine mese), è stata cancellata infatti la sanzione dal 10% al 50% dell'importo del prelievo bancario prevista, nell'originaria versione del testo, in assenza di giustificazione dello stesso e in caso di inesatta o mancata indicazione del beneficiario.

Ma se il pericolo della sanzione “automatica” è stato scongiurato, possono scattare comunque le contestazioni sui conti correnti e per i prelievi ingiustificati varrà comunque la presunzione legale che gli stessi siano maggiori compensi o ricavi non dichiarati e, dunque, frutto di evasione.

Non per tutti però. Sulla scorta di quanto indicato dalla Consulta (cfr. sentenza n. 228/2014), il decreto ha eliminato l'equiparazione dei lavoratori autonomi agli imprenditori. Solo questi ultimi, quindi (mentre professionisti, autonomi e partite Iva potranno dormire sonni tranquilli), saranno tenuti a fornire le prove contrarie non generiche per giustificare le origini dei prelievi considerati sospetti.

(13/09/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF