Sei in: Home » Articoli

Fisco: addio alla tassa sui bancomat

Dietrofront del Governo sulla sanzione, ma il rischio di contestazione fiscale rimane per chi produce reddito d'impresa, esclusi professionisti e autonomi
Carta di pagamento

di Marina Crisafi – All'inizio dell'estate la sua applicazione sembrava ormai una certezza tanto da scatenare infinite polemiche e dissensi, ma ora sulla c.d. “tassa sui bancomat” il Governo ha fatto marcia indietro (leggi: "In arrivo la nuova tassa bancomat per gli imprenditori").

Dal decreto sulle sanzioni amministrative tributarie, attuativo della delega fiscale, che ha ricevuto il secondo ok preliminare dal Consiglio dei Ministri il 4 settembre scorso (e ora in attesa dell'ultimo parere delle commissioni parlamentari prima di essere definitivamente approvato, probabilmente entro fine mese), è stata cancellata infatti la sanzione dal 10% al 50% dell'importo del prelievo bancario prevista, nell'originaria versione del testo, in assenza di giustificazione dello stesso e in caso di inesatta o mancata indicazione del beneficiario.

Ma se il pericolo della sanzione “automatica” è stato scongiurato, possono scattare comunque le contestazioni sui conti correnti e per i prelievi ingiustificati varrà comunque la presunzione legale che gli stessi siano maggiori compensi o ricavi non dichiarati e, dunque, frutto di evasione.

Non per tutti però. Sulla scorta di quanto indicato dalla Consulta (cfr. sentenza n. 228/2014), il decreto ha eliminato l'equiparazione dei lavoratori autonomi agli imprenditori. Solo questi ultimi, quindi (mentre professionisti, autonomi e partite Iva potranno dormire sonni tranquilli), saranno tenuti a fornire le prove contrarie non generiche per giustificare le origini dei prelievi considerati sospetti.

(13/09/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF