Sei in: Home » Articoli

Gli ex coniugi hanno una nuova famiglia di fatto? Va escluso l'assegno di divorzio

La convivenza more uxorio stabile e duratura esclude la permanenza della corresponsione divorzile
coppia divorzio separazione coniugale mantenimento antoci
di Lucia Izzo - La convivenza more uxorio stabile e duratura, tale da costituire una vera e propria famiglia di fatto, esclude la permanenza dell'assegno di divorzio, indipendentemente dalle posizioni economiche delle parti. 

La sesta sezione civile della Corte di Cassazione, rimarca un consolidato orientamento giurisprudenziale nell'ordinanza n. 17811/2015 (qui sotto allegata), originata dal ricorso avanzato dell'ex marito contro un provvedimento della Corte d'Appello di Trieste.

Lamenta in particolare l'uomo che il giudice di merito, nel procedere a modifica delle condizioni di divorzio tra lui e l'ex moglie, avrebbe disposto la riduzione dell'assegno a carico del marito a 350,00 euro in favore della moglie, tenuto conto dei "radicati percorsi affettivi e familiari" intrapresi da ciascun coniuge, poiché entrambi sono stati coinvolti in nuovi assetti familiari ed hanno avuto figli.

I giudici di Piazza Cavour ritengono meritevoli di accoglimento le doglianze dell'uomo, considerando che la giurisprudenza è pressoché unanime nel negare/sospendere la corresponsione di un assegno di mantenimento o di divorzio se gli ex coniugi hanno ormai raggiunto una nuova stabilità familiare (cfr. ex multis, Cass n. 17195/2001; 17898/2012).

Le unioni stabili, che possono consistere nell'aver instaurato una convivenza more uxorio e creato una famiglia di fatto, fanno venir meno la necessità economica del mantenimento e delle contestuali somme da versare 

Va pertanto accolto il ricorso, cassata la sentenza impugnata e rinviato il giudizio, anche per le spese, alla Corte d'Appello di Trieste in diversa composizione. 


Cass., VI Civile, ord. 17811/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/09/2015 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF