Diritto di Famiglia

Mantenimento: l'età avanzata non è di per sé indice di peggioramento delle condizioni economiche dell'obbligato

Il coniuge deve adeguatamente provare la nuova condizione e sull'ammontare dell'assegno non incide il fatto che egli mantenga anche la nuova moglie
coppia divorzio separazione coniugale mantenimento antoci
di Valeria Zeppilli – Il coniuge tenuto a versare l'assegno deve provare il peggioramento delle proprie condizioni economiche, senza che tale circostanza possa ritenersi integrata solo in ragione del suo pensionamento e della conseguente impossibilità di svolgere lavoro straordinario

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 17808 depositata l'8 settembre 2015 (qui sotto allegata), infatti, nel giudicare la richiesta di un ex marito di riformare la sentenza del giudice del merito che affermava la sussistenza dell'obbligo a suo carico di contribuire al mantenimento della moglie, ha affermato che l'età avanzata non può essere considerata di per sé elemento di peggioramento delle condizioni economiche dell'obbligato in difetto di una prova specifica al riguardo. E nel caso di specie, il ricorrente non aveva fornito alcuna indicazione sul reddito né relativo all'anno del divorzio né relativo all'anno di radicazione del procedimento.

Nell'affrontare la questione, la Corte ha avuto modo anche di chiarire che sull'obbligo nei confronti dell'ex moglie (peraltro invalida al 55% e con difficoltà a inserirsi in modo proficuo nel mondo del lavoro) non incide in alcun modo la circostanza che l'uomo mantiene anche una nuova moglie, specie se, come nel caso di specie, quest'ultima ha cessato di lavorare dopo il matrimonio, circostanza che conferma l'adeguata capacità economica della nuova famiglia.

I giudici, infine, hanno colto l'occasione anche per ribadire il consolidato principio per il quale l'obbligo del genitore di concorrere al mantenimento dei figli perdura sin quando questi ultimi non abbiano raggiunto l'indipendenza economica, non potendosi considerare automaticamente cessante al raggiungimento della maggiore età.

Sul ricorrente, quindi, grava anche il mantenimento della figlia studentessa universitaria, benché ventisettenne.

Corte di cassazione testo ordinanza n. 17808/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(10/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF