Sei in: Home » Articoli

Banche: niente anatocismo anche per chi non ha contestato gli estratti conto

L'articolo 1832 c.c. rende ininfluente ai fini della loro illegittimità la mancata contestazione degli estratti conto da parte del cliente
bilancia toga sentenza martello
di Valeria Zeppilli – Con una recente sentenza (del 28.7.2015), il Tribunale di Bari ha escluso senza eccezioni che la banca possa applicare interessi ultralegali e procedere all'indebita capitalizzazione trimestrale degli interessi.

Per i giudici, infatti, i rapporti sottostanti gli accrediti e gli addebiti sul conto corrente possono essere censurati indipendentemente dalla circostanza che il cliente abbia contestato gli estratti conto.

L'articolo 1832 c.c., del resto, prevede che l'approvazione del conto non preclude di impugnarlo per errori di scritturazione o di calcolo, per omissioni o per duplicazioni: essa, infatti, fa fede solo sulle poste e sul saldo.

Così la banca è stata condannata innanzitutto per applicazione indebita di interessi ultralegali, mai pattuiti per iscritto con il cliente.

È stata condannata, poi, perché la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi non può essere giustificata per i contratti bancari stipulati, come quello oggetto di causa, prima dell'entrata in vigore della delibera Cicr del 9 febbraio 2000, in assenza di un uso normativo che legittimi una deroga alle previsioni dell'articolo 1283 c.c. in materia di anatocismo: la clausola che la prevede è, pertanto, nulla.

Oltretutto, poiché il contratto analizzato dai giudici era stato stipulato prima delle modifiche del 2009 e del 2012 in materia, l'istituto di credito è stato infine condannato per aver applicato le commissioni di massimo scoperto e ulteriori spese senza espressamente pattuirle, come previsto quando esse erano subordinate nella loro validità al rispetto di requisiti di determinatezza o determinabilità dell'onere aggiuntivo imposto al cliente.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF