Sei in: Home » Articoli

Equitalia: cartelle meno care ma la differenza la pagano i cittadini

Il decreto attuativo della delega fiscale prevede che le “perdite” di Equitalia siano compensate dall'Agenzia delle Entrate e dunque dai contribuenti
posta bollette tasse

di Marina Crisafi – Le cartelle di Equitalia saranno meno care ma … solo all'apparenza. Il decreto sulla semplificazione delle norme in materia di riscossione che ha compiuto il suo secondo giro di boa venerdì scorso e che sarà approvato entro fine mese (entro la scadenza della delega fiscale) prevede, infatti, tra le altre novità (leggi “Equitalia: niente più anatocismo, aggio ridotto e cartelle più leggere via web. Ecco tutte le novità”), una riduzione dell'aggio (ossia della commissione di Equitalia su ogni cartella esattoriale) al 6% in luogo dell'attuale 8%.

Ma per compensare le minori entrate della società di riscossione, il Governo ha previsto che l'Agenzia delle Entrate (che controlla il 51% delle quote di Equitalia, mentre il 49% è dell'Inps), versi in tre anni una somma complessiva di 125 milioni di euro.

La riduzione dell'aggio, infatti, non permetterebbe ad Equitalia di sopravvivere, considerando che secondo i dati di bilancio (come riportati sul Fatto Quotidiano), l'aggio le è fruttato nell'ultimo anno oltre 530 milioni di euro su poco più di 970 milioni di ricavi totali e che le spese per il funzionamento dell'intera struttura (sedi, amministrazione, personale, ecc.) ammontano a quasi 800 milioni di euro.

Per sopperire all'importante riduzione, quindi, il decreto attuativo prevede, si legge sul sito del Governo, che, fino al 31 dicembre prossimo Equitalia continuerà a riscuotere l'8% mentre nel passaggio tra il vecchio e il nuovo regime, e cioè per i prossimi tre anni, alla società deve essere garantito “il pareggio di bilancio con la differenza a carico degli ordinari stanziamenti del bilancio dell'Agenzia delle Entrate (fino ad un massimo di 40 milioni nel 2016, fino a 45 milioni nel 2017, fino a 40 milioni nel 2018)”.

In altre parole, quindi, le future “perdite” saranno colmate con i soldi dell'Agenzia delle Entrate e, dunque, di tutti i contribuenti. Come dire ciò che esce dalla porta, entra dalla finestra.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/09/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF