Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: la notifica della sentenza d'appello alla PEC indicata dall'avvocato fa scattare i termini per impugnare

È inammissibile perché tardivo il ricorso in Cassazione proposto oltre i termini di legge laddove la cancelleria abbia effettuato regolare notifica PEC
posta risposta email
di Lucia Izzo - La PEC (posta elettronica certificata) degli avvocati, indicata negli atti del giudizio, è uno strumento essenziale per la meccanica delle cause e pertanto necessita di adeguato controllo.
Un'eventuale disattenzione può costare cara e una simile valutazione è avvalorata con sempre maggior incisività dalle situazioni del caso concreto, come nel caso sottoposto all'attenzione della Suprema Corte di Cassazione e che ha ingenerato l'ordinanza 17574 del 2015 (qui allegata), depositata il 3 settembre.

Il ricorrente è una s.r.l. dichiarata fallita, la quale aveva proposto inizialmente opposizione al fallimento al giudice di prime cure, e successivamente un reclamo alla Corte d'appello contro il provvedimento di rigetto dell'opposizione. Dinanzi agli Ermellini, la società impugna il rigetto del reclamo, ma i creditori controricorrenti deducono la tardiva proposizione del ricorso dinnanzi al giudice di legittimità.

I giudici di piazza Cavour confermano l'eccezione di tardività sollevata dai creditori, poiché risulta la notifica della pronuncia d'appello alla PEC dell'avvocato, su istanza della cancelleria, datata 7/2/2013, mentre il ricorso in Cassazione risulta notificato il 26/4/2013.

È palese la tardività a norma dell'art. 18 della legge fallimentare, che stabilisce, al comma 14, che il termine per proporre ricorso per Cassazione è di 30 giorni dalla notificazione della pronuncia al reclamante a cura della cancelleria.

La notifica da parte della cancelleria è consentita dalla legge (artt. 137 c.p.c. e 17 L.F.) anche mediante Posta Elettronica Certificata se l'avvocato ne è munito, dovendo altrimenti procedersi in via cartacea.
Dall'esame degli atti appare che il legale della parte reclamante aveva espressamente indicato nel proprio atto introduttivo del giudicio di reclamo, l'indirizzo PEC ex art. 125 c.p.c., comma primo, e da attestazione di cancelleria risulta che la sentenza impugnata è stata regolarmente ricevuta il 7/2/2013.

I giudici di Cassazione devono pertanto dichiarare inammissibile, in quanto tardivo, il ricorso presentato oltre i termini di legge (30 giorni dalla notifica della pronuncia al reclamante) vista la regolarità della procedura di notificazione.

Cass., VI sez. civ., ord. 17574/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/09/2015 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF