Insidie stradali: distrazione e eccesso di velocità possono decurtare il risarcimento del danno anche del 60%

Per il Giudice di Pace di Brindisi, in tali casi la responsabilità del custode si riduce sensibilmente
auto rc strada insidie

di Valeria Zeppilli - Attenzione a guidare distrattamente! Se il vostro veicolo si ribalta a seguito di una buca presente sulla strada, al Comune può non spettare l'intera responsabilità. Anzi: può addirittura spettargli anche solo nella misura del 40%.

Almeno così ritiene il Giudice di Pace di Brindisi.

Nel caso sottoposto all'attenzione del predetto ufficio e deciso con sentenza n. 853/2015, depositata il 25 agosto scorso, il conducente del veicolo incidentato, che pretendeva il risarcimento del danno da parte del custode della strada, in realtà correva ed era distratto: impossibile sarebbe stato per lui accorgersi della buca incriminata.

Ad “inchiodarlo” il rapporto dei Carabinieri, le immagini del luogo scenario del sinistro e la testimonianza di alcuni presenti.

La responsabilità del Comune, quindi, viene decurtata del 30% a causa della disattenzione al volante dell'uomo e del 30% per eccesso di velocità, con la conseguenza che l'incauto automobilista si è visto risarcito del solo 40% del valore antesinistro del proprio mezzo, demolito a seguito del malaugurato evento, per aver con la propria condotta spezzato il nesso causa/effetto tra la carenza di vigilanza dell'ente cui è affidata la custodia della strada e il danno subito.

Sebbene la manutenzione delle strade sia un obbligo primario dell'amministrazione e il suo adempimento vada reclamato e rivendicato per la sicurezza dei cittadini, questi ultimi devono in ogni caso dotarsi della prudenza necessaria ad evitare danni per sé e per altri a seguito dell'utilizzo di un mezzo così comodo quanto pericoloso quale è l'automobile.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(04/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Mille cancellieri: il 21 novembre arriva il bando
» Guide di diritto penale
» Divorzio: nuovo compagno? Addio per sempre all'assegno di mantenimento!
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF