Sei in: Home » Articoli

Insidie stradali: distrazione e eccesso di velocità possono decurtare il risarcimento del danno anche del 60%

Per il Giudice di Pace di Brindisi, in tali casi la responsabilità del custode si riduce sensibilmente
auto rc strada insidie

di Valeria Zeppilli - Attenzione a guidare distrattamente! Se il vostro veicolo si ribalta a seguito di una buca presente sulla strada, al Comune può non spettare l'intera responsabilità. Anzi: può addirittura spettargli anche solo nella misura del 40%.

Almeno così ritiene il Giudice di Pace di Brindisi.

Nel caso sottoposto all'attenzione del predetto ufficio e deciso con sentenza n. 853/2015, depositata il 25 agosto scorso, il conducente del veicolo incidentato, che pretendeva il risarcimento del danno da parte del custode della strada, in realtà correva ed era distratto: impossibile sarebbe stato per lui accorgersi della buca incriminata.

Ad “inchiodarlo” il rapporto dei Carabinieri, le immagini del luogo scenario del sinistro e la testimonianza di alcuni presenti.

La responsabilità del Comune, quindi, viene decurtata del 30% a causa della disattenzione al volante dell'uomo e del 30% per eccesso di velocità, con la conseguenza che l'incauto automobilista si è visto risarcito del solo 40% del valore antesinistro del proprio mezzo, demolito a seguito del malaugurato evento, per aver con la propria condotta spezzato il nesso causa/effetto tra la carenza di vigilanza dell'ente cui è affidata la custodia della strada e il danno subito.

Sebbene la manutenzione delle strade sia un obbligo primario dell'amministrazione e il suo adempimento vada reclamato e rivendicato per la sicurezza dei cittadini, questi ultimi devono in ogni caso dotarsi della prudenza necessaria ad evitare danni per sé e per altri a seguito dell'utilizzo di un mezzo così comodo quanto pericoloso quale è l'automobile.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF