Sei in: Home » Articoli

Fatturazione elettronica: da oggi possibile anche tra privati

Entrano in vigore le nuove norme contenute nel decreto legislativo n. 127/2015
fisco computer redditometro telematico

di Marina Crisafi - Con l'entrata in vigore del decreto legislativo n. 127/2015, attuativo della delega fiscale (qui sotto allegato), da oggi si ha il via libera alla fatturazione elettronica anche tra privati.

A differenza dell'obbligo per le imprese che forniscono beni e servizi alla P.A., giÓ a regime dal marzo scorso, la possibilitÓ di fatturare telematicamente le transazioni commerciali tra privati rimane facoltativa.

Al fine di incentivare il ricorso alla e-fatturazione, che dovrebbe rendere la vita pi¨ facile a negozianti, albergatori, ristoratori e imprese in genere, sono previsti, infatti, diversi vantaggi: a partire dall'esenzione dall'obbligo dello spesometro, all'addio a scontrini cartacei e ricevute fiscali, sino ai rimborsi Iva in tre mesi e alla riduzione dei termini di accertamento.

Per chi decide di aderire all'opzione, l'attivazione Ŕ prevista dal gennaio 2017, con l'invio delle fatture e dei corrispettivi all'Agenzia delle Entrate (tramite l'apposito sistema di interscambio), ed avrÓ una durata quinquennale, rinnovandosi automaticamente per i cinque anni successivi, salvo non intervenga apposita revoca.

Nelle more, le Entrate dovranno emanare le relative disposizioni attuative e mettere a disposizione di contribuenti e imprese, entro il mese di luglio 2016, un servizio gratuito per la gestione, la trasmissione e la conservazione delle fatture 2.0.

Decreto Legislativo n. 127/2015
(02/09/2015 - Marina Crisafi)
Le pi¨ lette:
» I procedimenti in camera di consiglio
» ResponsabilitÓ medica: reato di omicidio per il sanitario che sbaglia il triage
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Studi legali: addio al chiuso per ferie
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificatiAvvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati
Divorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglieDivorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglie
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF