Processo civile telematico: i primi passi e la raccolta di articoli in ordine cronologico

Gli strumenti necessari, la guida e gli approfondimenti sul PCT
shopping e-commerce computer telematico
di Valeria Zeppilli – Se siete già avvezzi con il PCT, passate direttamente alla raccolta di articoli al termine di questo articolo e alla Guida rapida al processo civile telematico. Altrimenti, prima di confrontarsi con il processo civile telematico, è necessario comprendere quali sono gli strumenti necessari.

Oltre, ovviamente, ad un computer con sistema operativo aggiornato, un collegamento ad internet, un programma di videoscrittura e uno scanner, è necessario avere a disposizione un indirizzo p.e.c., un dispositivo di autenticazione e firma digitale e un software che consenta la creazione della busta telematica (cd. redattore atti).

È inoltre necessario essere iscritti a un punto di accesso alla giustizia.

Ecco quindi i primi passi da seguire per dotarsi dei predetti strumenti.

L'indirizzo p.e.c.

L'apertura di una casella di posta elettronica certificata è un servizio che ormai moltissimi operatori del settore mettono a disposizione.

È, ad esempio, possibile dotarsi di un indirizzo p.e.c. attraverso Poste Italiane, Aruba o Legal Mail.

Ma gli operatori che offrono un tal genere di servizio non sono solo questi: ce ne sono molti altri, con costi e caratteristiche differenti, adattabili alle esigenze di ognuno.

Spesso alcuni di tali operatori stipulano delle convenzioni con i vari Consigli dell'Ordine, per questo è sempre utile informarsi presso la segreteria del Consiglio di appartenenza.

La posta elettronica certificata, come oramai tutti sanno, è quello strumento che consente di attribuire ai messaggi inviati lo stesso valore di una raccomandata con ricevuta di ritorno, grazie al sistema di certificazione circa l'autenticità e le ricezione degli stessi, prescelto come strumento ufficiale di comunicazione per il Processo Civile telematico.

La firma digitale

Prima di approcciarsi al processo telematico è poi fondamentale dotarsi di un dispositivo di firma digitale.

La firma digitale, sostanzialmente, è l'equivalente informatico della sottoscrizione cartacea e acquisisce validità legale grazie al cd. “certificato digitale di sottoscrizione”, rilasciato dagli enti certificatori.

Essa ha generalmente la forma di un tesserino dotato di chip o di un supporto USB.

Per potersene munire è necessario rivolgere apposita richiesta alle diverse società che offorno il servizio, come ad esempio Lextel.it o dcssrl.it

In ogni caso, come visto per la p.e.c., anche con riferimento alla firma digitale, numerose sono le software houses che, riconosciute quali enti certificatori, sono abilitate a rilasciare detto strumento.


Il redattore atti

Per poter creare la cd. “busta telematica” necessaria a depositare gli atti e i documenti del processo, è fondamentale munirsi del cd. “redattore atti”.

Numerosi sono i software sviluppati a tal fine.

Ad esempio, Quadra Free della Lextel s.p.a. è un software online, al quale si accede direttamente nel web senza dover scaricare nulla sul proprio pc.

Altri software di redazione atti sono forniti da Easypct o da Principe PCT.

Ma diverse sono le offerte che si trovano in tal senso, sviluppate da società che forniscono il redattore anche insieme alla firma digitale.

Il Ministero della giustizia fornisce a questa pagina (https://pst.giustizia.it/PST/it/pst_28.wp) un elenco dei programmi utilizzabili a tal fine.


Il punto di accesso alla giustizia

Infine, per poter ricorrere al processo telematico è fondamentale iscriversi a un punto di accesso.

Talvolta i punti di accesso sono istituiti direttamente dai consigli dell'ordine, come quello diMilano, talaltra vi provvedono società come 24 ORE EasyPda, pda-giuffre.it e Lextel - accessogiustizia.it, o anche enti pubblici come le Camere di commercio. Un elenco completo dei punti di accesso è disponibile a questa pagina istituzionale: https://pst.giustizia.it/PST/it/pst_2_5.wp


Raccolta di articoli sul PCT in ordine cronologico:

» Riforma della giustizia: come cambia il Pct - Marina Crisafi - 06/08/15

» Riforma processo esecutivo e telematico: la tabella con le novità punto per punto a cura dell'Avv. Fabrizio Sigillò Marina Crisafi - 30/06/15



» Il Pct continua a crescere: + 208% di depositi da dicembre ad oggi - Marina Crisafi - 19/06/15

» PCT e PRECISAZIONE DELLE CONCLUSIONI - Quale modalità pratica prescegliere? La prassi dei Tribunali - Law In Action - di P. Storani - 16/03/15




Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
bulletRichiedi una consulenza personalizzatabullet
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(03/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF