Sei in: Home » Articoli

Processo civile telematico: i primi passi e la raccolta di articoli in ordine cronologico

Gli strumenti necessari, la guida e gli approfondimenti sul PCT
shopping e-commerce computer telematico
di Valeria Zeppilli – Se siete già avvezzi con il PCT, passate direttamente alla raccolta di articoli al termine di questo articolo e alla Guida rapida al processo civile telematico. Altrimenti, prima di confrontarsi con il processo civile telematico, è necessario comprendere quali sono gli strumenti necessari.

Oltre, ovviamente, ad un computer con sistema operativo aggiornato, un collegamento ad internet, un programma di videoscrittura e uno scanner, è necessario avere a disposizione un indirizzo p.e.c., un dispositivo di autenticazione e firma digitale e un software che consenta la creazione della busta telematica (cd. redattore atti).

È inoltre necessario essere iscritti a un punto di accesso alla giustizia.

Ecco quindi i primi passi da seguire per dotarsi dei predetti strumenti.

L'indirizzo p.e.c.

L'apertura di una casella di posta elettronica certificata è un servizio che ormai moltissimi operatori del settore mettono a disposizione.

È, ad esempio, possibile dotarsi di un indirizzo p.e.c. attraverso Poste Italiane, Aruba o Legal Mail.

Ma gli operatori che offrono un tal genere di servizio non sono solo questi: ce ne sono molti altri, con costi e caratteristiche differenti, adattabili alle esigenze di ognuno.

Spesso alcuni di tali operatori stipulano delle convenzioni con i vari Consigli dell'Ordine, per questo è sempre utile informarsi presso la segreteria del Consiglio di appartenenza.

La posta elettronica certificata, come oramai tutti sanno, è quello strumento che consente di attribuire ai messaggi inviati lo stesso valore di una raccomandata con ricevuta di ritorno, grazie al sistema di certificazione circa l'autenticità e le ricezione degli stessi, prescelto come strumento ufficiale di comunicazione per il Processo Civile telematico.

La firma digitale

Prima di approcciarsi al processo telematico è poi fondamentale dotarsi di un dispositivo di firma digitale.

La firma digitale, sostanzialmente, è l'equivalente informatico della sottoscrizione cartacea e acquisisce validità legale grazie al cd. “certificato digitale di sottoscrizione”, rilasciato dagli enti certificatori.

Essa ha generalmente la forma di un tesserino dotato di chip o di un supporto USB.

Per potersene munire è necessario rivolgere apposita richiesta alle diverse società che offorno il servizio, come ad esempio Lextel.it o dcssrl.it

In ogni caso, come visto per la p.e.c., anche con riferimento alla firma digitale, numerose sono le software houses che, riconosciute quali enti certificatori, sono abilitate a rilasciare detto strumento.


Il redattore atti

Per poter creare la cd. “busta telematica” necessaria a depositare gli atti e i documenti del processo, è fondamentale munirsi del cd. “redattore atti”.

Numerosi sono i software sviluppati a tal fine.

Ad esempio, Quadra Free della Lextel s.p.a. è un software online, al quale si accede direttamente nel web senza dover scaricare nulla sul proprio pc.

Altri software di redazione atti sono forniti da Easypct o da Principe PCT.

Ma diverse sono le offerte che si trovano in tal senso, sviluppate da società che forniscono il redattore anche insieme alla firma digitale.

Il Ministero della giustizia fornisce a questa pagina (https://pst.giustizia.it/PST/it/pst_28.wp) un elenco dei programmi utilizzabili a tal fine.


Il punto di accesso alla giustizia

Infine, per poter ricorrere al processo telematico è fondamentale iscriversi a un punto di accesso.

Talvolta i punti di accesso sono istituiti direttamente dai consigli dell'ordine, come quello diMilano, talaltra vi provvedono società come 24 ORE EasyPda, pda-giuffre.it e Lextel - accessogiustizia.it, o anche enti pubblici come le Camere di commercio. Un elenco completo dei punti di accesso è disponibile a questa pagina istituzionale: https://pst.giustizia.it/PST/it/pst_2_5.wp


Raccolta di articoli sul PCT in ordine cronologico:

» Riforma della giustizia: come cambia il Pct - Marina Crisafi - 06/08/15

» Riforma processo esecutivo e telematico: la tabella con le novità punto per punto a cura dell'Avv. Fabrizio Sigillò Marina Crisafi - 30/06/15



» Il Pct continua a crescere: + 208% di depositi da dicembre ad oggi - Marina Crisafi - 19/06/15

» PCT e PRECISAZIONE DELLE CONCLUSIONI - Quale modalità pratica prescegliere? La prassi dei Tribunali - Law In Action - di P. Storani - 16/03/15




Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF