Sei in: Home » Articoli

Diffamazione: non va valutato solo il testo dell'articolo ma anche il contesto espressivo in cui esso è inserito

La percezione visiva concorre in maniera determinante all'attribuzione di un significato diffamatorio alla pubblicazione a mezzo stampa
Immagine di un quotidiano
di Valeria Zeppilli - Anche la presentazione grafica e le fotografie contribuiscono a rendere diffamatorio un articolo.
Il limite della continenza cui soggiace il diritto di cronaca, infatti, va riferito non solo al contenuto dell'articolo ma a tutto il contesto espressivo in cui questo è inserito.

La percezione visiva, in sostanza, concorre in maniera determinante all'attribuzione, da parte del pubblico dei lettori, di un significato diffamatorio alla pubblicazione a mezzo stampa, in quanto idonea a fuorviare i lettori più frettolosi.

Su tale presupposto la Corte di Cassazione, con sentenza n. 17198/2015, depositata il 27 agosto (qui sotto allegata), ha cassato la decisione impugnata dinanzi ad essa, con rinvio alla Corte d'appello al fine di procedere a una nuova valutazione della portata diffamatoria dell'articolo incriminato.

Si trattava, nel dettaglio, di un articolo relativo a un magistrato, pubblicato su un giornale di rilevanza nazionale, nel quale il testo era stato "improvvidamente e scientemente accostato" a una foto di un soggetto ammanettato perché coinvolto in uno scandalo finanziario noto a livello nazionale, con il rischio di ingenerare nei lettori il falso convincimento che i guai di questo fossero associati al protagonista del pezzo.

Mentre per la Corte d'appello la circostanza che, solo leggendo l'articolo, si sarebbe potuto superare la falsa suggestione ingenerata a primo impatto nei lettori, i giudici della Cassazione si orientano in direzione opposta e, considerando che spesso i lettori di quotidiani, specie se a tiratura nazionale, si limitano a una lettura frettolosa e poco approfondita, non ritengono opportuno circoscrivere il limite della continenza cui soggiace il diritto di cronaca al solo contenuto dell'articolo: anche titoli, sottotitoli, presentazione grafica e fotografie sono in grado di intaccare detti confini e possono contribuire a rendere un pezzo diffamatorio.



Corte di cassazione testo sentenza numero 17198/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(31/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF