Diffamazione: non va valutato solo il testo dell'articolo ma anche il contesto espressivo in cui esso è inserito

La percezione visiva concorre in maniera determinante all'attribuzione di un significato diffamatorio alla pubblicazione a mezzo stampa
Immagine di un quotidiano
di Valeria Zeppilli - Anche la presentazione grafica e le fotografie contribuiscono a rendere diffamatorio un articolo.
Il limite della continenza cui soggiace il diritto di cronaca, infatti, va riferito non solo al contenuto dell'articolo ma a tutto il contesto espressivo in cui questo è inserito.

La percezione visiva, in sostanza, concorre in maniera determinante all'attribuzione, da parte del pubblico dei lettori, di un significato diffamatorio alla pubblicazione a mezzo stampa, in quanto idonea a fuorviare i lettori più frettolosi.

Su tale presupposto la Corte di Cassazione, con sentenza n. 17198/2015, depositata il 27 agosto (qui sotto allegata), ha cassato la decisione impugnata dinanzi ad essa, con rinvio alla Corte d'appello al fine di procedere a una nuova valutazione della portata diffamatoria dell'articolo incriminato.

Si trattava, nel dettaglio, di un articolo relativo a un magistrato, pubblicato su un giornale di rilevanza nazionale, nel quale il testo era stato "improvvidamente e scientemente accostato" a una foto di un soggetto ammanettato perché coinvolto in uno scandalo finanziario noto a livello nazionale, con il rischio di ingenerare nei lettori il falso convincimento che i guai di questo fossero associati al protagonista del pezzo.

Mentre per la Corte d'appello la circostanza che, solo leggendo l'articolo, si sarebbe potuto superare la falsa suggestione ingenerata a primo impatto nei lettori, i giudici della Cassazione si orientano in direzione opposta e, considerando che spesso i lettori di quotidiani, specie se a tiratura nazionale, si limitano a una lettura frettolosa e poco approfondita, non ritengono opportuno circoscrivere il limite della continenza cui soggiace il diritto di cronaca al solo contenuto dell'articolo: anche titoli, sottotitoli, presentazione grafica e fotografie sono in grado di intaccare detti confini e possono contribuire a rendere un pezzo diffamatorio.



Corte di cassazione testo sentenza numero 17198/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(31/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF