Avvocatura

Avvocati: per ottenere il rimborso forfettario per spese generali occorre una richiesta specifica

Senza una nota spese dettagliata il diritto non è riconosciuto
Avvocatessa che indossa la toga in una libreria

di Valeria Zeppilli - L'importo forfettario per le spese generali spetta all'avvocato solo se espressamente richiesto.

A stabilirlo è una recente sentenza della Corte di Cassazione, la numero 17212/2015, depositata il 27 agosto (qui sotto allegata), che ha previsto l'onere, per il difensore che chieda la condanna del cliente al pagamento della parcella professionale per la gestione di un contenzioso, di formulare un apposito capo di domanda giudiziaria onde ottenere anche il rimborso forfettario per spese generali, ovverosia il 15% previsto oggi dal d.m. n. 55/2014: la deduzione di quanto giustificato a tale titolo rientra, secondo i giudici, tra gli oneri di articolazione della domanda.

In sostanza, a differenza di quanto accade nel caso di liquidazione delle spese processuali a carico della parte soccombente, in relazione alla quale si prescinde da qualsivoglia rilievo circa la formulazione di una domanda ad opera del difensore o della parte per il suo tramite, nel caso di domanda proposta dal difensore in via ordinaria per ottenere il compenso per l'attività professionale svolta, il riconoscimento del rimborso forfettario per le spese generali previsto dalla tariffa applicabile è possibile “solo se il difensore abbia proposto apposito capo di domanda inteso al riguardo” senza che sia sufficiente la circostanza che il tariffario forense lo preveda in via generale.

In conclusione, quindi, se non presenta una nota spese dettagliata, l'avvocato che proponga domanda nei confronti del proprio cliente rischia di non vedersi riconosciuto il diritto al rimborso forfettario.


Cassazione civile testo sentenza n. 17212/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(31/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF