Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Chi perde paga... ma un solo avvocato!

Il soccombente va caricato delle spese solo nella misura della più concentrata attività difensiva
toghe avvocati

di Valeria Zeppilli – Se è vero che chi perde in giudizio è di regola tenuto a farsi carico del pagamento delle spese legali sostenute dalla controparte, il compenso da corrispondere è tuttavia quello per un solo avvocato.

A stabilirlo è la Corte di Cassazione nella sentenza n. 17215 depositata il 27 agosto 2015 (qui sotto allegata).

Nel caso analizzato, i due “vincitori” avevano un'analoga posizione processuale e si erano fatti assistere da un medesimo legale.

I giudici, alla luce di ciò, hanno ritenuto che, secondo quanto previsto dagli articoli 4 e 8 del d.m. n. 55/2014, parte soccombente è tenuta a pagare un compenso unico, sebbene maggiorato secondo la percentuale individuata dal decreto stesso, senza che a nulla rilevino il fatto che l'avvocato abbia provveduto a depositare atti difensivi distinti (anche in ragione del fatto che li stessi avevano contenuto pressoché identico) e la circostanza che i due assistiti avevano nominato anche un altro legale ciascuno.

La Suprema Corte, infatti, ha sottolineato che il soccombente, in conformità al principio della non debenza delle spese superflue, va caricato degli onorari solo “nella misura della più concentrata attività difensiva quanto a numero di avvocati, rimettendo poi il resto a carico del cliente rappresentato”.

Attenzione quindi a ponderare bene tutte le variabili nella scelta di come farsi assistere.

Cassazione civile, testo sentenza n. 17215/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF