Sei in: Home » Articoli

Dopo tre semafori rossi si rifà l'esame della patente

In caso di recidiva reiterata infrannuale il rischio è quello di “rimanere a piedi”
semaforo

di Valeria Zeppilli – La terza volta che si ignora un semaforo rosso, il rischio è quello di dover rifare l'esame della patente.

Nel caso sottoposto all'attenzione del Consiglio di Stato e deciso con sentenza n. 3508/2015 (qui sotto allegata), infatti, il soggetto interessato dalla revoca della patente aveva commesso alla guida tre violazioni in un anno senza contestarne né impugnarne alcuna. Egli non aveva neanche contestato il provvedimento con il quale, a seguito della recidiva reiterata, gli era stato imposto di sottoporsi all'esame di idoneità tecnica alla guida, in applicazione del comma 6 dell'articolo 126-bis del decreto legislativo n. 285/1992. Anzi, si era sottoposto allo stesso e, non superandolo, non aveva censurato neanche tale esito negativo.

Ciò che alla fine aveva provveduto a fare era stato impugnare il provvedimento, necessitato e vincolato, della revoca della patente.

E cogliendo lo spunto di tale censura il Consiglio di Stato, nonostante questo anomalo modus operandi dello sprovveduto pilota, ha provveduto a precisare che la disposizione in base alla quale il contravventore recidivo reiterato infraannuale debba sottoporsi a revisione della patente di guida non è affatto illogica ma si inquadra perfettamente all'interno dell'esigenza “special preventiva resa pressante dai gravi episodi di illecito commessi mercé violazione di norme cautelari previste dal c.d. Codice della Strada che costituiscono fatto notorio in quanto oggetto di cronaca”.

Oltretutto, a parere del Consiglio, la reclamata illogicità deve escludersi ancor più nettamente in considerazione del fatto che nel caso in cui l'esito della verifica dell'idoneità alla guida sia positivo, il contravventore non ne ricaverebbe alcun danno.

Quindi attenzione alla guida! Il rischio di restare a piedi non è poi così remoto...

Vedi allegato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(27/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF