Sei in: Home » Articoli

Lavoro accessorio dopo il Jobs Act: ecco i chiarimenti dell'Inps

Con la circolare n. 149/2015 l'istituto previdenziale ha fornito le prime delucidazioni sulla disciplina dopo l'entrata in vigore del d.lgs. n. 81/2015
inps id13745

di Valeria Zeppilli – Il 12 agosto scorso l'Inps, con la circolare n. 149/2015 (qui sotto allegata), è intervenuta per tentare di fare chiarezza circa la disciplina del lavoro accessorio, a seguito dell'entrata in vigore del d.lgs. n. 81/2015, attuativo del Jobs Act.

In particolare, ci si è soffermati su alcuni aspetti relativi al limite delle prestazioni accessorie, alle modalità di acquisto dei voucher e alla loro misura, alle comunicazioni telematiche e al ruolo dei concessionari.

Ovviamente tutti i chiarimenti sono di una certa rilevanza, ma ecco quali sono quelli maggiormente interessanti:

- Limite delle prestazioni accessorie

Innanzitutto, di particolare interesse sono la precisazione in base alla quale le disposizioni relative al limite delle prestazioni accessorie contenute nel decreto 81 si applicano in taluni casi specifici anche in agricoltura e quella per cui il limite di € 3.000,00 di compenso per i percettori di prestazioni integrative del salario e/o di prestazioni a sostegno del reddito, per l'anno in corso, è da intendersi comprensivo anche delle prestazioni di lavoro accessorio già rese dal 1.1.2015 al 24.6.2015.

- L'acquisto dei voucher

Rilevante, poi, vista la possibilità per i committenti imprenditori e liberi professionisti di acquistare i voucher per la retribuzione delle prestazioni solo in maniera telematica, è l'indicazione dei canali che si possono utilizzare a tal fine, individuati nella procedura telematica Inps, nei tabaccai che aderiscono alla convenzione INPS – FIT e tramite servizio internet Banking Intesa Sanpaolo e nelle Banche Popolari abilitate.

- Il valore del buono orario

Per quanto riguarda il valore nominale del buono orario, infine, è interessante segnalare che la circolare ha stabilito che, in attesa dell'emanazione dell'apposito decreto, esso è fissato in 10 euro e nel settore agricolo è pari all'importo della retribuzione oraria delle prestazioni di natura subordinata individuata dal contratto collettivo stipulato dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Vedi allegato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF