Facebook: arriva la "biografia" pubblica

Oltre a nome, data di nascita, foto e gusti personali, il social estende i dati “sensibili” pubblici degli utenti
Illustrazione con la scritta Facebook

di Marina Crisafi - Se in questi giorni, casa Zuckerberg è stata impegnata ad estendere anche ai clienti Apple la possibilità di chattare via Whatsapp anche su pc (già prevista per gli utenti Android, Windows e Blackberry), ora l'attenzione dell'azienda di Palo Alto è concentrata su Facebook, cercando di aumentare la mole di “informazioni” dei miliardi di utenti estendendo i dati a propria disposizione.

A breve, infatti, oltre a nome, data di nascita, fotografie e gusti personali evidenziati tramite i vari “mi piace” e le adesioni ai gruppi, per non parlare della “futura” possibilità di raccogliere e vendere i dati finanziari degli utenti (leggi: “Se hai debiti Facebook lo sa e venderà l'informazione alle banche”), Facebook sta studiando la possibilità di creare una “biografia pubblica”.

Per ora il pulsante “crea una biografia” è in fase di test ed è già visibile su alcuni profili (per chi naviga con le app per telefonini e tablet) ma presto potrebbe apparire come messaggio a tutti gli utenti, invitandoli a scrivere una breve nota (circa 101 caratteri) parlando di se stessi, con la consapevolezza che ciò sarà messo a disposizione del proprio pubblico virtuale di amici e conoscenti e non solo.

La novità sarebbe dedicata per ora, affermano da Facebook, come riportato dall'Ansa, alla versione del social per i dispositivi mobili, al fine di offrire una migliore presentazione delle informazioni su una persona (spostando anche la foto del profilo al centro piuttosto che a sinistra).

La nuova opzione, di fatto, sarebbe mutuata da quanto già avviene nel noto social network LinkedIn e non vi è chi non vede un tendenziale spostamento di Facebook verso una veste più professionale, come anticipato peraltro nei mesi scorsi dai media internazionali.

(22/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF