Telefonino alla guida? È la prima causa degli incidenti stradali e le multe sono “salate”

L'allarme del Codacons e la “stretta” ad automobilisti e motociclisti di tutta Italia dagli agenti “in incognito”
cellulare telefono

di Marina Crisafi – Quella di usare il telefonino mentre si è alla guida, per chiacchierare, inviare sms o peggio ancora scattare dei selfie non è solo una cattiva abitudine in crescita da sanzionare, ma è diventata la causa principale degli incidenti stradali in tutta Italia. A denunciarlo è il Codacons, che richiamando un recente studio Aci/Istat, ha sottolineato come la distrazione al volante legata all'uso di smartphone e telefonini è la causa del 20,1% degli scontri automobilistici avvenuti in Italia nel 2014.

Basta pensare, infatti, che, evidenzia lo studio, solo per inviare un breve messaggio (sms o via Whatsapp) occorrono 10 secondi di tempo (per prendere il cellulare, sbloccarlo, aprire l'applicazione e scrivere il testo), che distraggono l'automobilista dall'attenzione alla strada per circa 300 metri, mentre per lo scatto di un selfie la distrazione ammonta a un tempo medio di 14 secondi.

Dati che, a detta del Codacons, confermano come l'uso dello smartphone al volante sia motivo di preoccupazione maggiore anche rispetto alle cause più “tradizionali” di incidenti stradali: ossia l'eccesso di velocità e la guida in stato di ebbrezza.

Per questo, l'associazione invoca un giro di vite e controlli più rigorosi da parte delle forze dell'ordine, oltre a un inasprimento delle pene.

Si ricorda che l'art. 173 del Codice della strada prevede per l'uso del cellulare durante la guida, in mancanza di viva voce o auricolari, una multa variabile dai 160 ai 646 euro, oltre alla decurtazione di 5 punti della patente.

Se la violazione è reiterata, inoltre, già dalla seconda infrazione nell'arco di un biennio, si applica la sanzione accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi.

E ne sanno qualcosa molti automobilisti e motociclisti di tutta Italia, “beccati”, dagli agenti in “borghese” a chiacchierare amabilmente a chattare o a immortalarsi negli scatti fotografici, tenendo una mano sul volante e l'altra sul telefonino, o, peggio, facendo i “furbi” e abbassando il cellulare incrociando qualche volante.

Secondo quanto riportato dal Giornale, infatti, in questo scorcio d'estate si sono intensificati i controlli in tutto il Paese, da parte degli agenti “ombra”, i c.d. vigili anti-telefonino che da nord a sud, al grido di “tolleranza zero” sono andati a caccia degli indisciplinati, pedinandoli, controllandoli e una volta “pizzicati” erogando migliaia di multe salatissime.

E se per qualcuno si tratta solo di un modo per rimpinguare le piangenti casse comunali, è anche vero che quando si guida è meglio non pensare al telefono o se proprio si deve meglio usare gli auricolari. Al fine di salvaguardare il portafogli, ma, prima di tutto, la salute, propria e degli altri.

(20/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF