Sei in: Home » Articoli

Come si custodiscono correttamente le armi in casa?

Nota di commento alla sentenza della Corte di Cassazione sez. 4 penale, n. 18446 del 5 maggio 2014
pistola
 
di Avv. Francesco Pandolfi - La lettura di questa importante sentenza ci offre la possibilità di esaminare in modo schematico ma dettagliato i presupposti della condotta diligente ed avveduta nei confronti delle armi riposte in casa
Si tratta di una materia delicatissima, che tocca i diritti fondamentali delle persone, come il diritto alla salute e alla vita: circostanze dove un atteggiamento massimamente prudente serve a prevenire fatti lesivi, anche e soprattutto a danno di minori. 

L'omessa custodia delle armi

Iniziamo con il dire che l'arma dentro casa è un pericolo in se: è preferibile abbondare con le cautele piuttosto che ridurle.
Proprio il problema della negligenza rispetto alla custodia di fucili è stato lo sfondo della vicenda esaminata dalla Corte di Cassazione nella sentenza in commento.
Una vicenda dove la morte di un giovane non si è potuta evitare in quanto era stato semplice impadronirsi dell'arma e aprire il fuoco attingendo mortalmente un amico presente nella stanza. 

Nelle trame di quel processo si era pervenuti alla condanna dei coniugi per aver cooperato colposamente nell'omicidio in danno di un minore. 
I genitori del coetaneo della vittima avevano lasciato i ragazzi da soli in casa all'interno di un rustico ove si trovava una vetrina piena di fucili e munizioni: a causa della negligente custodia delle armi, era stato possibile per il piccolo prendere un'arma, sparare e purtroppo ferire mortalmente il compagno. 

Che cos'è la negligente custodia delle armi e come evitare l'imputazione per cooperazione in omicidio colposo

Nel momento in cui si decide di posizionare armi dentro casa, il problema della custodia diventa prioritario per la sicurezza delle persone.
Secondo la chiara ricostruzione del fatto, la Cassazione ha estrapolato i seguenti criteri che si possono sintetizzare "a contrario" e dai quali è possibile arguire come riporre le armi evitando così le gravissime accuse ex art. 589 codice penale:

a) l'ambiente in cui si trovano i fucili non deve essere un ambiente dove giocano i bambini,
b) il mobile ove sono riposte le armi deve essere inaccessibile a terzi e in special modo ai minori,
c) le munizioni devono essere inaccessibili,
d) le chiavi per aprire il mobile o il ripostiglio devono essere in possesso esclusivo dei genitori e, pertanto, non nella disponibilità dei bambini.

Cosa fare per prevenire un'accusa penale da condotta omissiva: 

E' tanto semplice quanto efficace al fine di proteggere la vita umana:
disinnescare tutte le fonti di pericolo adottando cautele idonee, in modo da impedire all'origine ai piccoli frequentatori della stanza di giochi di poter accedere alle armi ed impossessarsene.

Per contattare l'avv. Francesco Pandolfi
3286090590     francesco.pandolfi66@gmail.com
blog: www.pandolfistudiolegale.it
 
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/08/2015 - Avv. Francesco Pandolfi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF