Sei in: Home » Articoli

Cattivo esercizio del potere disciplinare e responsabilità dell'Amministrazione per i danni non patrimoniali

Nota di commento alla sentenza del Tar Lombardia, Milano, n. 1341 dell'11.06.2015
licenziamento mobbing
di Avv. Francesco Pandolfi - La Pubblica Amministrazione può essere chiamata in giudizio se esercita in modo maldestro l'azione disciplinare nei confronti del dipendente? La risposta a questa domanda è certamente sì: bisogna però individuare le domande risarcitorie meritevoli di accoglimento. 
Nel caso il dipendente disponga già di una sentenza che abbia accertato l'illegittimità di atti riferiti ad un ingiusto procedimento disciplinare da lui subito, ebbene questo titolo può essere validamente utilizzato per promuovere una successiva domanda di risarcimento del danno riportato per effetto dell'illegittimo operato del Ministero. 
Questo è possibile in quanto il dipendente ( l'assistente capo della Polizia di Stato nella fattispecie trattata dal Tar Lombardia con sentenza n. 1341/15) ha già conseguito l'accertamento della maldestra attività dell'amministrazione nei suoi confronti; ciò che ne scaturisce è la possibilità di agire per il risarcimento. 

Il pregiudizio alla libertà di espressione del ricorrente
 
Ebbene, ove l'Amministrazione comprima ingiustamente la libertà di espressione del ricorrente per mezzo di una sanzione disciplinare fuori luogo, il danno non patrimoniale a questi arrecato sarà risarcibile.
Questo tipo di danno è direttamente collegato all'azione ( o omissione ) di ostacolo alla libertà di espressione del ricorrente, ciò che si traduce in una negazione della possibilità di esplicitarsi liberamente, ad esempio nella propria vita sessuale, sfera questa contigua all'identità della persona.
Si tratta di una posta di danno dalla difficile quantificazione ed è per questo che i Giudici preferiscono monetizzare addivenendo a valutazioni equitative.

La garanzia della sicura risarcibilità risiede nelle stesse parole della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo: la libertà di espressione costituisce una delle fondamenta essenziali della società, una delle condizioni sostanziali per il suo progresso e per lo sviluppo di ogni uomo....ogni "formalità", "condizione", "restrizione" o "sanzione" imposta in materia di libertà di espressione deve essere proporzionata allo scopo legittimo perseguito.  

Casa fare quindi in caso di sanzione disciplinare visibilmente illegittima?

E' semplice: 
a) proporre un ricorso per far accertare l'illegittimità dell'atto amministrativo; 
b) acquisire la sentenza e promuovere un'azione giudiziale avente ad oggetto il risarcimento dei danni non patrimoniali. 

Per contattare l'avv. Francesco Pandolfi
3286090590        francesco.pandolfi66@gmail.com
blog:  www.pandolfistudiolegale.it


 




 

 

 

Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/08/2015 - Avv. Francesco Pandolfi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF