Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati? Niente onorari se il cliente giunge ad una transazione a vostra insaputa

Per la presentazione dell'istanza di liquidazione è necessaria la definizione formale della causa
sentenza avvocato giustizia martello bilancia
di Valeria Zeppilli - Se il cliente giunge ad una transazione con la controparte all'insaputa del proprio avvocato, la richiesta con la quale il legale reclama i propri compensi è inammissibile

Come spiega la Corte di Cassazione, per la presentazione dell'istanza di liquidazione degli onorari a seguito di transazione è necessaria una definizione formale della causa: laddove essa manchi, vane sono le pretese di pagamento degli onorari professionali. 

E' opportuno specificare che, secondo quanto previsto dall'articolo 68 della legge professionale forense di cui al r.d.l. n. 1578 del 27 novembre 1933, "quando un giudizio è definito con transazione, tutte le parti che hanno transatto sono solidalmente obbligate al pagamento degli onorari e al rimborso delle spese di cui gli avvocati ed i procuratori che abbiano partecipato al giudizio degli ultimi tre anni fossero tuttora creditori per il giudizio stesso". 

Con la sentenza numero 16695 depositata l'11 agosto 2015 (qui sotto allegata), pertanto, tale disposizione è stata interpretata nel senso di non poter far ritenere condivisibile l'affermazione effettuata dal ricorrente, in base alla quale l'unico presupposto richiesto dalla legge professionale per il pagamento degli onorari andrebbe individuato nella mera sussistenza di un giudizio poi transatto, senza che, in sostanza, sia necessaria una definizione formale della lite per spogliare il legale del suo jus postulandi.

La Corte ha, quindi, ritenuto corretta la sentenza del giudice di merito, in quanto questo, dopo aver premesso che il diritto del difensore alla proposizione dell'istanza di liquidazione è subordinato, alternativamente, alla decisione della causa o all'estinzione della procura, ha rilevato che la definizione della causa con conciliazione era stata impedita nel caso di specie dall'opposizione alla richiesta di estinzione del giudizio e che nessuna rinuncia al mandato era stata fatta dal legale.

Testo sentenza n. 16695 depositata l’11 agosto 201
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(14/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF