Sei in: Home » Articoli

Mail di “rimborso” del Fisco: la nuova truffa di Ferragosto

Appare come una “comunicazione” di rimborso da parte dell'Agenzia delle Entrate, ma è l'ennesimo tentativo di phishing. Lo segnala Federprivacy
truffa furto pirateria frode informatica

di Marina Crisafi - Caro cittadino, dopo gli ultimi calcoli annuali delle vostre attività fiscali, abbiamo stabilito che ha diritto a ricevere il rimborso fiscale di euro…”. È questo il testo della mail che nelle ultime ore sta arrivando a migliaia di utenti, apparentemente inviata dall'Agenzia delle Entrate, con l'invito a cliccare sul link riportato per avviare la procedura del promesso rimborso, in molti casi abbastanza significativo.

Il consiglio, anche se la promessa è allettante, è di non aprirla perché si tratta dell'ennesima truffa di mezza estate che contiene un tentativo di phishing per entrare in possesso delle informazioni riservate degli utenti e, in particolare, per carpire i dati bancari.

Ma non solo.

Se il computer (o il dispositivo mobile) con cui si accede alla mail non è dotato di un efficace antivirus, rischia di essere bloccato da un potente virus capace di tenerlo in “ostaggio”, finchè non si cede al ricatto e si versano le somme richieste.

La segnalazione arriva direttamente da Federprivacy che ha pubblicato il testo del messaggio sul proprio sito istituzionale, invitando a mantenere altissima l'attenzione perché anche se il logo è quello dell'Agenzia delle Entrate, la stessa è ovviamente estranea all'invio di qualsiasi comunicazione di questo tipo.

In ogni caso, per chi ha già ricevuto la mail o malauguratamente è rimasto vittima della truffa, il consiglio è segnalare il fatto alla Polizia Postale.

(12/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF