Sei in: Home » Articoli

Valida la cartella esattoriale motivata con la sola indicazione degli estremi dell'atto registrato

Se il fisco dimostra di aver correttamente notificato l'atto prodromico, la cartella non può essere contestata
Scritta TAX in una illustrazione
di Valeria Zeppilli – La cartella esattoriale che è motivata con la sola indicazione degli estremi dell'atto registrato è perfettamente valida e non è necessario indicare anche l'avviso di liquidazione.

Secondo quanto stabilito dalla CTR di Roma, infatti, se il fisco dimostra di aver correttamente notificato l'atto prodromico, la cartella non può essere contestata.

Così, con la sentenza numero 962/2015 è stato rigettato il ricorso di un cittadino che si era opposto alla cartella di pagamento perché l'avviso di liquidazione non era stato notificato direttamente a lui ma a persona qualificatasi come suocero convivente, rilevando, peraltro che il suocero era deceduto prima della notifica.

L'aver consegnato l'atto prodromico nella casa di abitazione del contribuente ad un addetto alla casa, qualificatosi come suocero, è stato, infatti, pienamente coerente con la procedura prevista dall'articolo 139 c.p.c. in materia di notificazioni.

Ciò, per la CTR, non si presta a contestazione, specie in un contenzioso riguardante la cartella di pagamento emessa a seguito della definitività dell'avviso di liquidazione per mancata impugnazione nei termini di legge.

Anche la circostanza che il suocero fosse deceduto prima della notifica è stata dai giudicanti ritenuta inconferente, in quanto l'addetto alla notifica non è tenuto a verificare la corretta identità del soggetto firmatario ma solo ad accertarsi che non si tratti di persona minorenne.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF