Sei in: Home » Articoli

Auto: addio al “libretto”, arriva il documento unico

Previsto dalla riforma della P.A., un solo documento di circolazione sostituirà libretto e certificato di proprietà
autovecchia id8844

di Marina Crisafi - Novità in arrivo per gli automobilisti che presto potranno dire addio al “vecchio” libretto auto che sarà sostituito dal documento unico di circolazione. Si tratta di una delle diverse misure previste dalla riforma della Pubblica Amministrazione, approvata dal Parlamento nei giorni scorsi (leggi: “La riforma della P.A. è legge. Ecco tutte le novità e il testo definitivo”).

Il nuovo documento manderà in pensione la carta di circolazione e il certificato di proprietà dell'auto che verranno, quindi, inglobati in un unico attestato, nel quale confluiranno le informazioni relative al veicolo, dalle caratteristiche tecniche, al proprietario e tutto quanto era riportato prima nei due singoli documenti.

La misura, che risponde agli obiettivi di semplificazione e di contenimento della spesa pubblica prefissati con la riforma, è la diretta conseguenza del trasferimento del Pra (Pubblico Registro Automobilistico) dall'Aci al ministero delle infrastrutture, cui già fa capo la Motorizzazione. Il passaggio comporterà l'esistenza di un'unica banca dati sia per la circolazione che per la proprietà e, dunque, un solo documento.

La novità però non sarà da subito operativa. Occorreranno infatti gli appositi decreti legislativi che diano attuazione alla delega appena approvata e che dovranno essere emanati dal Governo entro i prossimi 18 mesi.

(10/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» I procedimenti in camera di consiglio
» Responsabilità medica: reato di omicidio per il sanitario che sbaglia il triage
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Studi legali: addio al chiuso per ferie
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificatiAvvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati
Divorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglieDivorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglie
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF