Sei in: Home » Articoli

CTP Lecce: stangata a Equitalia e Agenzia delle Entrate. Annullata una cartella carente di adeguata motivazione

La Commissione Tributaria Provinciale accoglie il ricorso dei contribuenti e con due sentenze annulla una cartella esattoriale e due intimazioni di pagamento
giudice sentenza martello cassazione
di Lucia Izzo - Due recenti sentenze della Commissione Tributaria Provinciale di Lecce infliggono una dura stangata a Equitalia e Agenzia delle Entrate: i provvedimenti della CTP hanno annullato una cartella esattoriale ritenuta carente di adeguata motivazione e due intimazioni di pagamento per le quali non era stato effettuato il deposito degli atti originali o di copie conformi degli stessi.

Il ricorso presentato alla commissione da due contribuenti, ha originato le interessanti pronunce.
La prima sentenza n. 2804/02/15 consolida una giurisprudenza recente, in quanto annulla una cartella esattoriale poiché priva di adeguata motivazione e, in tal modo, pone a carico dell'ente esattore un obbligo informativo nei confronti del contribuente circa le motivazioni dell'iscrizione a ruolo del tributo, spesso eccessivamente generiche o di difficile interpretazione.

Già la Commissione Tributaria Provinciale di Torino, con la sentenza n. 42 del 25/09/2008, aveva stabilito che "la cartella di pagamento la cui lettura risulti criptica e di difficile comprensione viola i diritti del contribuente ed è passibile di annullamento. L'obbligo di una congrua e sufficiente motivazione non è riservato solo agli avvisi di accertamento, atteso che alla cartella di pagamento devono ritenersi applicabili i principi generali indicati per ogni provvedimento amministrativo".

Il merito della seconda sentenza, la n. 2809/02/15, è invece quello di aver proceduto all'annullamento di alcuni avvisi di intimazioni per i quali Equitalia ha mancato di depositare gli originali o copia conforme delle cartelle esattoriali validamente notificate.

Su entrambe le questioni è arrivato il plauso dell'associazione "Sportello dei diritti" che, per bocca del suo presidente Giovanni D'Agata, ha sottolineato che "le due decisioni stabiliscono importanti principi giuridici nel senso che l'Agenzia delle Entrate ed Equitalia devono sempre depositare gli originali (o le copie autentiche) delle cartelle esattoriali e le stesse devono sempre essere motivate per consentire al contribuente una adeguata difesa”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/08/2015 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF