Sei in: Home » Articoli

Poste: niente più code agli sportelli. Le bollette si pagano con un'app

Disponibili gratuitamente le app di Poste Italiane su Googleplay e Applestore
Donna che utilizza uno smartphone

di Marina Crisafi - Si può dire addio alle code agli sportelli per pagare bollettini, inviare raccomandate o telegrammi. Poste Italiane ha infatti lanciato sul mercato la nuova app Ufficio Postale che consente di effettuare, tramite smartphone e tablet, numerose operazioni (postali e finanziarie) in mobilità.

L'applicazione è scaricabile gratuitamente su GooglePlay e Applestore ed è rivolta a tutti i cittadini, anche chi non è in possesso di strumenti finanziari Bancoposta.

Grazie alla App, previa registrazione ai servizi poste.it, effettuabile anche online (tramite la app stessa) sarà possibile non solo pagare i bollettini bianchi e premarcati, inviare telegrammi, raccomandate e posta prioritaria, ma anche tracciare una spedizione (assicurate, pacchi, raccomandate, ecc.), cercare e localizzare su mappa gli uffici postali e gli atm postamat, ed anche, per chi desidera effettuare le proprie operazioni agli sportelli fisici, richiedere il “ticket elettronico” per prenotare il proprio numero riducendo così al minimo i tempi di attesa e presentandosi a ridosso del proprio turno.

Per i servizi finanziari, Poste italiane ha lanciato invece l'app Bancoposta, destinata a chi ha già un conto Bancoposta o una carta Postepay, attraverso la quale si potranno sia pagare i bollettini che effettuare bonifici o postagiro, trasferire denaro o ricaricare le sim.

(08/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF