Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: sì alla pubblicità allo stadio, prima e dopo le partite

Secondo il parere del CNF, l'essenziale è che non sia “equivoca” e “suggestiva”
Stadio affollato

di Marina Crisafi – Dopo aver detto sì alla pubblicità sugli autobus (leggi "Avvocati: sì alla pubblicità sugli autobus, purchè non sia “equivoca e suggestiva”), il Consiglio Nazionale Forense ha dato via libera, con il recente parere n. 5-bis pubblicato nei giorni scorsi sul sito istituzionale, anche a quella negli stadi, pre e post partita.

Il quesito (n. 442) formulato dal Consiglio dell'Ordine di Avezzano chiedeva se fosse possibile per gli avvocati fornire informazioni sulla propria attività professionale a mezzo di cartellonistica pubblicitaria all'interno del rettangolo di gioco di un impianto sportivo e all'interno dello spazio pubblicitario del tabellone (ove vengono realizzate le interviste dei mass-media) in conclusione degli eventi sportivi.

E il CNF ha ammesso che né la legge professionale forense (cfr. art. 10 l. n. 247/2012) né il codice deontologico vietano tale forma di pubblicità posto che anzi entrambi ribadiscono “per gli avvocati il principio di una tendenziale libertà di informare nel modo più opportuno” e con qualsiasi mezzo.

Così, oltre a portare “in giro per la città” il nome dello studio legale sulle fiancate degli autobus, sarà possibile vedere cartelloni giganti (6 metri per 2) sia durante una partita di calcio (o altro evento sportivo) che alle spalle dei giornalisti che intervistano i protagonisti a kermesse terminata, con tanto di ramo “specialistico”.

Il tutto però entro i limiti previsti dall'art. 10 della Lpf. Ossia, come per gli autobus, cui il parere del CNF si riporta espressamente, pubblicizzando l'oggetto, la natura e i titoli dell'attività professionale, all'insegna della trasparenza e della correttezza, senza mai paragonarsi agli altri professionisti né essere “equivoci, ingannevoli, denigratori o suggestivi”.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF