In arrivo (o quasi) la mediazione obbligatoria con Equitalia

Lo schema di decreto legislativo sulla riscossione estende i casi in cui la mediazione tributaria è condizione di procedibilità della domanda giudiziale
la mediazione informazioni e riflessioni su una nuova opportunita professionale id14278

di Valeria Zeppilli - Lo schema di decreto legislativo sulla semplificazione e la razionalizzazione delle norme in materia di riscossione, approvato dal Governo nei giorni scorsi (leggi: "Delega fiscale: stretta sulle agenzie e sanzioni più leggere per chi paga entro l'anno") e in attesa dei pareri delle Commissioni parlamentari, prevede l'obbligo di tentare la mediazione con Equitalia e con gli altri agenti della riscossione prima di poter procedere giudizialmente contro le ipoteche e il fermo auto che si ritengono illegittimamente iscritti per un valore non superiore a ventimila euro.

In sostanza, si estende l'istituto della mediazione tributaria, introdotto a partire dal primo aprile 2012 e obbligatorio, per ora, solo in caso di impugnazione dei provvedimenti emessi dall'Agenzia delle Entrate.

Il previo esperimento della procedura diviene, quindi, condizione di procedibilità anche per l'azione giudiziaria nei confronti dei soggetti sovra indicati, e ciò indipendentemente dal fatto che i vizi contestati siano di merito o formali, purché siano propri delle cartelle di pagamento, e dal fatto che la competenza sia del tribunale ordinario o della commissione tributaria.

L'obiettivo è quello di tentare di arginare il numero sempre crescente di controversie avviate dai contribuenti nei confronti del fisco.

Nelle more dell'esperimento della procedura di mediazione, da avviarsi con reclamo, sono sospesi sia i termini di proposizione del ricorso che l'esecutività dell'atto in contestazione.

In caso di raggiungimento di un accordo, lo stesso si perfeziona con il pagamento dell'intero importo o della prima rata.

Se, viceversa, trascorrano 90 giorni senza che l'accoglimento del reclamo sia notificato o la mediazione si sia conclusa, l'istanza produce gli effetti del ricorso.

Vedi allegato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(04/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF